Riapre lo storico cinema Duomo: ospiterà non solo film ma anche concerti e performance

Domenica 7 Novembre 2021 di Sofia Teresa Bisi
La festa per la riapertura del cinema

ROVIGO - All’insegna dello slogan “Sarà uno spazio per…”, ieri pomeriggio il cinema rodigino Duomo ha riaperto i battenti e a ripreso ad accogliere il pubblico. «Questa giornata - hanno detto Francesco Casoni e Beatrice Damiani a nome dell’impresa sociale Zico - non vuole solo dare il via a proiezioni cinematografiche, ma rappresenta l’inaugurazione di uno spazio al servizio della città. Si tratta di un posto aperto a iniziative di vario tipo, che possa mettere in pratica tutti gli stimoli che andremo a collocare come adesivi su un grande albero di legno collocato all’ingresso».
Ideare, creare, comunicare, parlare, ballare, suonare, sono state alcune tra le parole scelte dai presenti e poi incollate come monito verso un impegno della città e per la città, perché tutti le vedano e molti le possano realizzare, soprattutto nei prossimi mesi, come segno di un impegno civile, culturale e di uscita dalle restrizioni sanitarie.

LE PERFORMANCE

A titolo di stimolo e incoraggiamento verso la valorizzazione del cinema Duomo, che da circa 15 anni non vede più proiezioni e che fino a poco tempo fa è stato usato per rappresentazioni teatrali e incontri, il pomeriggio è stato dedicato ad alcune possibili declinazioni dell’arte: in tre turni successivi, il pubblico è stato accolto nel foyer con la musica del fisarmonicista Walter Sigolo e la danza di Romina Zangirolami. Ci si è poi diretti verso la galleria, per ascoltare la novella di Pirandello “La patente”, letta da Paolo Rossi di Minimiteatri. Sul palco, dove si sono sposate musica e danza, per poi giungere in platea e creare uno spettacolo di body percussion, sotto la guida di Rossano Tamiazzo di Porto Alegre. In chiusura un video ha mostrato alcuni ricordi e pareri legati alla passione per il cinema.
Per il pomeriggio di oggi sono previsti altri tre turni di visita e riscoperta degli spazi del cinema. Nei giorni 17 e 24 novembre, 1, 15 e 22 dicembre, dalle 18.30 alle 20, il cinema ospiterà degli incontri pubblici per programmare le attività. Per partecipare contattare il 375/5429476 o riapriamo@cinemaduomo.it.

I FILM

Le proiezioni al Duomo, il cinema del centro storico di Rovigo, prenderanno il via l’11 novembre grazie alla collaborazione di Zico e Fondazione Rovigo Cultura, con una proiezione speciale a ingresso gratuito: alle 20.30 il nuovo proiettore si accenderà per “Volevo nascondermi” di Giorgio Diritti, con Elio Germano nel ruolo del pittore Ligabue. È un film che è stato penalizzato dal lockdown dell’anno scorso, ma premiato dalla critica nazionale ed estera. Tra i prestigiosi riconoscimenti, si deve citare il David di Donatello attribuito alla colonna sonora, che è stata creata e realizzata al conservatorio Venezze, nel dipartimento di Musica applicata alle immagini. I docenti Marco Biscarini, Luca Leprotti e Daniele Furlati, autori delle musiche, saranno gli ospiti d’onore di questo evento. Prenotazione obbligatoria sul sito www.cinemaduomo.it, dove si può anche già trovare la programmazione per le prime settimane, o su www.zico.me.
Saranno presenti per un saluto al pubblico anche il vescovo della diocesi di Adria e Rovigo, monsignor Pierantonio Pavanello; i rappresentanti delle istituzioni cittadine e della Fondazione Rovigo Cultura.
La seconda proposta dopo l’inaugurazione sarà un film per bambini e ragazzi: sabato 13 alle 16.30 arriverà “Space Jam: new legends” di Malcolm D. Lee, con il campione LeBron James nel ruolo che nel primo capitolo spettò al mitico Michael Jordan. Sarà un evento speciale, che vedrà coinvolto anche il mondo del basket rodigino. Per questa proiezione l’ingresso sarà con biglietto (6 euro intero, 4 ridotto), prenotabile dal sito www.cinemaduomo.it.
 

Ultimo aggiornamento: 08:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA