Apre a Borsea l'Ocr park: parco sportivo con 72 metri di ostacoli sospesi

Domenica 5 Dicembre 2021 di Nicola Astolfi
La struttura dell'Obstacle course race (Ocr) inaugurata a Borsea

ROVIGO - Superare ostacoli nella vita è una costante quando “Tutto è risolvere problemi”, che nei percorsi di Obstacle course race, invece, si trasformano in muri da scavalcare, tronchi da trasportare e in ogni genere di ostacolo da superare, per mostrare che nello sport - come nella vita - anche “l’inaccessibile diventa accessibile”, fisicamente e mentalmente. A Borsea, all’interno del Ranch Arcobaleno in via Passo, c’è il nuovo Obstacle course race (Ocr) park aperto ieri dal Team Avia Pervia, non darà solo la possibilità di allenarsi affiancati da professionisti e di conoscere la disciplina delle corse a ostacoli, che conta sempre più appassionati. L’iniziativa dell’associazione guidata da Riccardo Manfron punta di offrire workshop per migliorarsi, di ospitare studenti e di dedicare progetti a persone con disabilità, come è abitudine al Ranch Arcobaleno, che collabora con diverse associazioni.

IL PROMOTORE
Com’è nato il nuovo Ocr park a Rovigo? L’idea è di Riccardo Manfron, ed è stata condivisa da Stefano Ermetici, che s’è occupato della costruzione degli ostacoli allestiti sui 3.600 metri quadrati concessi all’Associazione sportiva dilettantistica Avia Pervia dal Ranch Arcobaleno. «Sono alla prima esperienza nella gestione di un’associazione - racconta il presidente Manfron - ma desideravo fare il coach da una vita. Era un’ipotesi che avevo sfiorato anni fa alla Pugilistica rodigina. Nel 2017 ho scoperto questo sport, l’Obstacle course race, e ho iniziato a partecipare a gare amatoriali. Nel 2019 ho gareggiato al Campionato italiano Ocr, ed è stato amore. L’occasione, invece, di aprire un Ocr park è nata dall’incontro con Stefano (Ermetici, ndr)», coach insieme a Manfron per Avia Pervia, che fa parte dell’Ocr Team Italy impegnato in questi giorni allo Spartan World Championship di Abu Dhabi: «In gara per il nostro team c’è anche Eugenio Bianchi, numero 8 del ranking mondiale», ricorda Manfron.

IL TERRENO
«Lo scorso giugno - continua - abbiamo iniziato a cercare un terreno che fosse adatto a ospitare un Ocr park. E poi i ragazzi del Ranch Arcobaleno c’hanno dato questa grande opportunità», realizzata con l’inaugurazione di ieri e affiancata ora ad altri circuiti Ocr attivi in Veneto come l’Agoge park a Vo’ e l’Hurricane storm a Chioggia. Il nuovo circuito rodigino si propone a tutte le fasce d’età: ha caratteristiche uniche e non è solo un campo d’allenamento. «Il percorso è stato allestito per entrare nel circuito internazionale di gare Ocr», spiega Alessandra Rossi: moglie di Riccardo Manfron e figlia di un grande sportivo rodigino, l’ex rugbista e oggi golfista e presidente del Golf Club Rovigo Nino Rossi, Alessandra ricorda queste particolarità dell’Avia Pervia Ocr park tra tutte: «Gli ostacoli, appositamente studiati e posizionati, possono ricreare la maggior parte degli scenari di gara: dal K1 Ocr che in un solo chilometro concentra una ventina di ostacoli, fino allo scenario delle gare “Ocr lunga” sulla distanza di 24 chilometri collegando tra loro i circuiti».

GLI OSTACOLI
Altra peculiarità della nuova struttura sportiva poco distante dalla sponda sinistra del Canalbianco, è che i suoi tre moduli di ostacoli in sospensione, ognuno con caratteristiche e difficoltà differenti, possono essere collegati tra loro da corde tirolesi ed ape hanger - “scale a pioli” disposte orizzontalmente - e arrivare così a comporre una lunghezza continuativa di 72 metri di ostacoli sospesi. Per contatti, tel. 348.0047569 (Riccardo Manfron) e 347.8501670 (Stefano Ermetici), email aviaperviaocrpark@gmail.com.

 

Ultimo aggiornamento: 08:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA