Barbecue "inquinante" in giardino, arrivano i vigili mandati dai vicini

Martedì 6 Aprile 2021 di Marco Scarazzatti
Un barbecue
15

ROVIGO - Pasqua parzialmente rovinata per una famiglia residente a Rovigo. Tutto a causa della segnalazione di un vicino di casa, che ha allertato la Polizia locale per far cessare la preparazione di un barbecue. A raccontare l'accaduto è stato il diretto interessato, Michele Brasolin, con un post sul suo profilo Facebook. Ringrazio vivamente chi, non avendo un bel niente da fare nella vita, mi ha mandato la polizia locale a casa, solamente perché mi sono permesso di accendere il barbecue nel giardino privato e cucinare due bistecche. Alla persona che ha telefonato al comando di polizia municipale, per segnalare il mio inquinamento, secondo l'articolo di leggere regionale, auguro una buona Pasqua». Brasolin ha avuto la solidarietà di molte persone, che, letto l'annuncio, inizialmente avevano pensato a una segnalazione per il divieto di assembramenti annessi anche ai barbecue, salvo scoprire che in effetti si trattava di tutt'altra cosa. 


FUMI SEGNALATI DAI VICINI

«È successo che attorno alle 13.30, mentre io e mia moglie eravamo a casa, abbiamo deciso di accendere il barbecue, inaugurando la stagione di grigliate all'aperto, visto che il tempo era clemente e mite. È vero, c'era un leggero vento, ma niente di così fastidioso per chi abita negli immediati paraggi. Ho un barbecue in cemento, posizionato nel giardino indipendente della mia casa, che si trova nel centro di Rovigo. Verso le 14 è arrivata a casa nostra una pattuglia di vigili, che dice di avere ricevuto una telefonata di protesta da parte di una persona, infastidita dal fatto che io avessi acceso il barbecue. In pratica, stavo violando sia l'articolo 5 della legge regionale, che il decreto del Comune di Rovigo». 
Infatti, fino al 31 marzo era vietato accendere fuochi, compresi i barbecue, ma il provvedimento è stato allungato di un mese, fino a tutto aprile, dall'amministrazione comunale. «Mi è stato detto che in Veneto i barbecue sono vietati per inquinamento e sono assimilabili a delle auto euro 4 e euro 5 - conclude Brasolin - La pattuglia della municipale non mi ha fatto alcun verbale, ma mi ha invitato a spegnere tutto. Abito in una casa singola, con vicino un'abitazione sfitta da dieci anni e davanti un palazzo, dal quale a mio avviso è partita la segnalazione. Alla fine ci siamo trasferiti all'interno della casa e abbiamo optato per cucinare la carne nella bistecchiera. Capirei fosse stato del verde bruciato, ma era solo un grill. Mai mi sarei atteso di vedere i vigili a casa mia per un barbecue acceso». 

Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 10:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA