Rovigo. Doppio controllo con tutor e velox su alcune vie della città. Ecco quali

Venerdì 13 Gennaio 2023 di Elisa Barion
Autovelox in via Forlanini

ROVIGO - Doppio controllo della velocità e doppia multa ai piedi pesanti sugli acceleratori di chi transita nelle vie Forlanini e dei Mille. Sono queste le due strade ritenute più pericolose e sulle quali l’amministrazione comunale ha intenzione di installare non uno, ma ben due apparecchi per verificare il rispetto dei limiti di velocità: tutor e velox insieme. A queste due arterie si aggiungono anche le vie Nievo nella frazione di Buso e Curtatone a Boara Polesine. Per queste ultime, però, non è possibile installare entrambi gli apparecchi, ma solo uno, ovvero il velox. Per tutte e quattro le strade, Palazzo Nodari ha chiesto alla Prefettura l’autorizzazione a installare i dispositivi.
«Il comando di Polizia locale - spiega l’assessore Giuseppe Favaretto - sta preparando la documentazione da presentare alla Prefettura a supporto della richiesta». L’assessore chiarisce perché su via Forlanini, strada che conduce a Grignano Polesine, spesso teatro di gravi incidenti, anche mortali proprio come avvenuto a fine novembre con un pedone che è stato travolto e ucciso da un’auto in transito, e su via dei Mille il Comune abbia chiesto di installare entrambe le apparecchiature. «Il tutor misura la velocità media dei mezzi in transito lungo un tratto di un chilometro. Per far questo, però, è necessario che il tratto in questione non abbia immissioni laterali. E solo le vie dei Mille e Forlanini hanno questo requisito. Il velox, invece, rileva la velocità “puntuale” dei mezzi in transito nel punto in cui si trova l’apparecchio».

Dato che entrambe le arterie sono piuttosto lunghe e necessitano di un controllo “esteso” della velocità, ecco che la soluzione di installare entrambi i dispositivi sembra la soluzione più adeguata. Secondo le parole dell’assessore, infatti, su via Forlanini il tutor verrebbe installato a monitoraggio del tratto immediatamente successivo all’immissione dal centro città mentre il velox andrebbe a “controllare” il tratto di strada prossimo all’ingresso in frazione. Lo stesso vale per via dei Mille a Mardimago. Tutor e velox sono strumenti deterrenti e, allo stesso tempo, “punitivi”. Da una parte è infatti necessario ridurre la velocità del traffico per garantire una maggiore sicurezza stradale, dall’altra sono entrambi dispositivi che, un volta accertato lo sforamento dei limiti, portano alla sanzione del pilota dal piede pesante. «In questo momento – conclude Favaretto – non è ancora stato deciso da parte dell’amministrazione se gli strumenti per il controllo della velocità verranno acquistati o noleggiati. Si tratta di una operazione che stiamo ancora valutando sotto il profilo dei costi perché l’acquisto comporterebbe la successiva firma di un contratto di manutenzione mentre con un eventuale noleggio la manutenzione sarebbe compresa». Ciò che è certo, comunque, è che gli introiti dalle sanzioni derivanti da tutor e velox ne ripagherebbero i costi.

Ultimo aggiornamento: 07:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci