Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Raduno della Lega a Pontida, Zaia sale sul palco, srotolata una bandiera gigante con il Leone di San Marco. E lui: «L'autonomia vale anche la messa in discussione di un governo»

Domenica 18 Settembre 2022
Luca Zaia a Pontida
12

Raduno della Lega a Pontida oggi, domenica 18 settembre 2022, con 100mila presenze stimate sul pratone del comune bergamasco. E anche il presidente del Veneto Luca Zaia è intervenuto, puntando l'attenzione sull'autonomia. Quando il governatore è arrivato sul palco è stata aperta una maxi bandiera del leone di San Marco. A sorreggerla tanti «eletti dal Veneto», con una maglietta rossa, come ha detto Zaia scherzando poi sulle alte percentuali dei suoi consensi in regione: «Ora va corretto, non si dice più voto bulgaro ma voto veneto».

 

Zaia e l'autonomia del Veneto

«L'autonomia vale anche la messa in discussione di un governo». L'ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia dal palco del raduno leghista di Pontida. A inizio intervento ha definito la riforma dell'autonomia come «un'assunzione di responsabilità» e poi ha rimarcato più volte la necessità di un intervento normativo, in linea con l'esito del referendum sull'autonomia che fu votato in Veneto nel 2014: «Non ci sono più scuse. Da 50 anni che parliamo di essere 'paroni (padroni, in dialetto veneto, ndr) in casa nostrà».

Ultimo aggiornamento: 14:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci