Vendemmia in Australia o negli Usa per i giovani veneti: l'occasione da non perdere

PER APPROFONDIRE: australia, confagricoltura, usa, vendemmia
​Vendemmia in Australia o negli Usa per i giovani veneti: l'occasione da non perdere
Vendemmia in Barossa Valley, Limestone Coast, Mount Lofty Ranges, Riverland oppure in Napa Valley e nello Stato di Washington. Dopo la raccolta dell'uva di settembre, in gennaio i giovani agricoltori veneti andranno a vendemmiare in Australia o negli Stati Uniti.

L'occasione è offerta da Confagricoltura con un'iniziativa che permetterà di arricchire il proprio curriculum professionale grazie a un tirocinio riservato non solo agli agricoltori, ma anche agli studenti di Agraria, Scienze forestali ed Enologia.

Oltre alla vendemmia, negli Usa le occasioni offerte sono moltissime, dai grandi allevamenti suinicoli ai ranch, alla ricerca applicata sugli alberi da frutta, ma anche ai programmi di silvicoltura e gestione delle risorse forestali in collaborazione con l'Us Forest Service.

«Si tratta di opportunità formative da cogliere al volo - sottolinea il presidente dei Giovani di Confagricoltura Giulio Manzotti - con tirocini cuciti su misura che permettono di arricchire le competenze imprenditoriali dei giovani, confrontando metodi diversi, ma anche approcci culturali e colturali assai distanti dai nostri. Non si tratta di un'azione che favorisce la fuga di cervelli agricoli, ma di un'occasione di arricchimento. I ragazzi che rientreranno da questa esperienza porteranno a casa grandi insegnamenti, spesso applicabili nelle nostre realtà, potendo così crescere e vincere la quotidiana »guerra« che noi imprenditori siamo chiamati a combattere tutti i giorni, quella della competitività».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Agosto 2019, 17:22






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vendemmia in Australia o negli Usa per i giovani veneti: l'occasione da non perdere
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2019-08-24 13:11:09
Lavoretti a km 10000
2019-08-24 11:27:13
Da una parte chiudono le frontiere e alzano muri e poi chiedono giovani per la vendemmia,finita quella cosa si fa si torna al paesello? e Trump cosa dice
2019-08-23 19:32:50
gia'. Una occasione di aumentare il proprio curriculum professionale raccogliendo uva per metterla nelle ceste. Al sud siamo pienissimi di immigrati con un altissimo curriculum professionale ...
2019-08-21 22:15:55
Hermitage 2019-08-20 14:04:43 Al tempo di Cesare, se lei sapesse ma anche se non sapesse il latino, non esisteva il concetto di popolo come lo vorrebbe fare intendere lei; "veneti" o “heneti", o "venetuliani" ecc. erano semplici attribuzioni nominali prima elleniche, e poi romanoimperiali. Venivano date un po’ dovunque, non per indicare un preciso gruppo di persone ma semplicemente per delimitare zone o aree particolari fuori dai limes che lentamente, guerra per guerra o scambio per scambio si incontravano, colonizzavano e conquistavano manu militari come nel De bello gallico. I primitivi palafitticoli così nominati “veneti” dagli ellenici-romano imperiali, di un certo posto, nulla sapevano o conoscevano dei “veneti” di un altro luogo remoto e neppure li avevano mai incontrati, al meglio delle loro possibilità, nella loro primitiva esistenza di palafitticoli… Nel tempo precedente o coevo agli ellenici e poi romani-imperiali, non erano noti i concetti di “famiglia”, “storia”, “popolo”, “nazione”, “computer”, “femminismo”, “casa di cura”, ecc. ecc. e tutti i termini concettuali dell’età Moderna e Contemporanea, e si è del tutto fuori strada quando li si usa come filtro interpretativo delle epoche così remote nel tempo…
2019-08-20 15:27:37
l'agricoltura è in mano leghista, il ministro leghista ha anche nominato da poco un presidente di non-rammento-cosa. Ora questi offerenti di opera di bassa lega che avranno in cambio? Quali accordi ci sono? (sottobanco?) Ci riempiranno di che? o cercano assist per l'export? sembrano i mediatori di manovalanza sulle spalle dei vari migranti, profughi clandestini che dir si voglia, ampiamente impiegati nelle campagne italiche