Colline del Prosecco patrimonio Unesco Ok dell'Icomos alla proposta del Veneto Zaia: un sogno inseguito da 10 anni

Prosecco patrimonio Unesco, arriva  il primo ok dell'Icomos al Veneto
VENEZIA «Icomos raccomanda che le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Italia, siano iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale come Paesaggio culturale». È la «raccomandazione» che il Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti, organo consultivo dell'Unesco, rivolge ai membri dell'organizzazione dell'Onu (World Heritage Committee) che si riuniranno il 7 luglio a Baku (Azerbaijan) per esaminare ed eventualmente promuovere la candidatura espressa dal Governo italiano.  L'Icomos è l'organo che l'anno scorso aveva "rinviato" la candidatura delle Colline del Prosecco.

C'è quindi la concreta possibilità che questa volta, dopo il rinvio deciso un anno fa nella riunione svoltasi a Manama (Bahrain), le Colline del trevigiano possano aspirare al prestigioso riconoscimento mondiale, alla stregua del Grand Canyon, del Taj Mahal, del Monte Fuji, della grande barriera corallina australiana, della piana della Piramidi. Icomos riconosce che gli approfondimenti al dossier richiesti dai membri Unesco «sono stati effettuati e sono positivi. I tecnici del Veneto avevano infatti condotto nuove ricerche bibliografiche e di archivio, in particolare in relazione ai 'ciglionì, all'aspetto a mosaico dei vigneti e al sistema 'bellusserà nell'allevamento delle viti. Una ricerca che aveva sottolineato come i cambiamenti nelle tecniche di coltivazione del terreno delle zone »tampone« (buffer zones) non abbiano influenzato le caratteristiche dell'area, che conserva caratteri rimasti relativamente stabili negli ultimi due secoli.

«Questa è la realizzazione di un sogno che sto inseguendo da 10 anni». Il governatore del Veneto, Luca Zaia, esprime così la soddisfazione per il parere positivo di Icomos sul «potenziale» delle Colline del Prosecco ad essere iscritte nella Lista dell' Unesco. Zaia ringrazia Icomos e osserva che «il riconoscimento del Patrimonio dell'Umanità consacra e premia il lavoro di tante persone che, negli anni, si sono spaccate la schiena per donarci il meraviglioso paesaggio delle Colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene» «Ringrazio Icomos - aggiunge Zaia - anche a nome di tutti i tecnici ed esperti che da dieci anni stanno lavorando a questo dossier. È una vittoria e una grandissima gratificazione constatare che i più grandi esperti di paesaggio a livello internazionale sanciscono che l'idea del dossier non fosse una boutade come qualcuno sosteneva (e magari sta ancora sostenendo) rivelandosi, invece, la strada giusta per vincolare quelle colline». Secondo Zaia «si va verso una direzione importante, che non solo - spiega - ci darà visibilità internazionale, ma anche una grande responsabilità: la tutela di un paesaggio che deve restare immune ai cambiamenti del tempo. Il nostro compito, adesso, sarà quello di tutelare e gestire questo territorio coscienti del fatto che non si tratta più di un patrimonio esclusivo del Veneto, ma dell'intera umanità». «Il lavoro non è finito: adesso - prosegue il governatore - ci dobbiamo preparare alle visite dei turisti, dei tecnici del mondo scientifico e di tutti coloro che saranno curiosi di visitare queste zone». «Adesso - conclude - ci aspetta la tappa fondamentale, quella dell'Assemblea Generale del World Heritage Committee in Azerbaijan. È vero che ci presentiamo con un parere positivo di Icomos, ma l'assemblea resta sovrana. Continuiamo a lavorare a pancia a terra affinché il risultato si concretizzi durante l'Assemblea, in cui sarò presente per seguire i lavori e sostenere il nostro dossier».







 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 7 Giugno 2019, 19:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Colline del Prosecco patrimonio Unesco Ok dell'Icomos alla proposta del Veneto Zaia: un sogno inseguito da 10 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 34 commenti presenti
2019-06-09 23:29:26
In ogni caso è una bevanda di emme (non si scomodi il termine vino) che sta sul mercato solo perché costa meno della metà di un metodo classico
2019-06-09 10:52:36
E intanto che le grandi navi si schiantano su Venezia, che il Mose marcisce in mare, che Venezia si spopola sempre di più, il nostro Pomata porta il prosecco nel mondo. Poi i cittadini moriranno sommersi da vitigni e pesticidi, ma questo è un altro discorso. Viva il Prosecco! Viva in nostro Governatore!!! Votatelo ancora, mi raccomando.
2019-06-09 10:23:53
«Icomos raccomanda che le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene" Piu' che colline del prosecco,le chiamerei "le colline del Fitofarmaco",andate a raccontare questa baggianata a coloro che vivono nelle vicinanze e che sono pieni di tumori!
2019-06-08 20:53:39
veramente l'unesco ha messo sotto tutela le colline e non il prosecco.
2019-06-08 14:56:15
A si si si si una meraviglia !!hahahah