Spara a bruciapelo a papà e mamma poi si toglie la vita in casa

Tragedia familiare: spara in casa  a papà e mamma e poi si uccide
TRENTO - Ha sparato a bruciapelo ai genitori e poi si è tolto la vita: è  la dinamica di una tragedia accaduta stasera a Romallo in Trentino. A fare la scoperta dei tre corpi senza vita un parente, preoccupato perchè non riusciva a mettersi in contatto con la famiglia. Sul posto si sono precipitati i carabinieri che hanno cercato di ricostruire l'accaduto. L' intervento dei soccorritori accorsi sul posto è stato purtroppo inutile.

La coppia di genitori era ultrasettantenne. Il padre, Giampietro Pancheri, 79 anni, originario del paese trentino, si era trasferito a Milano pare per lavoro, e nel capoluogo lombardo viveva con la moglie Adriana (72), ma aveva mantenuto stretti contatti con Romallo, dove tornava spesso, soprattutto nei periodi di ferie come in questo caso.

La coppia sarebbe stata uccisa a bruciapelo con un’arma da fuoco, probabilmente una pistola, che il figlio - David Pancheri, 45enne - ha  poi rivolto contro se stesso per togliersi la vita. Sarebbe stato trovato un biglietto scritto dall'omicida-suicida con un messaggio: «Troppa sofferenza».
















Sos Suicidi. Sono attivi alcuni numeri verdi a cui chiunque può rivolgersi per avere supporto e aiuto psicologico:
Telefono Amico 199.284.284
Telefono Azzurro 1.96.96
Progetto InOltre 800.334.343
De Leo Fund 800.168.768
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 10 Agosto 2019, 21:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Spara a bruciapelo a papà e mamma poi si toglie la vita in casa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-08-12 15:28:31
Se i giornalisti andassero a fondo sono sicuro che in tanti casi troverebbero che i famosi raptus omicidi e suicidi altro non sono che conseguenza di assunzioni di psicofarmaci allegramente prescritti in questa epoca per ogni tipo di disagio o problema. Eh si, gli psicofarmaci sono sostanze psicotrope solo che non si chiamano droghe perchè sono venduti in farmacia. Gli stessi foglietti elencano tra gli effetti collaterali istinti suicidari ed altri guao tremendi. Ho letto dei dati da far paura ossia che 11 milioni di italiani prendono psicofarmaci. Eh già, ci vuole coraggio ad andare contro la lobby farmaceutica, come il gigante israeliano Teva e compari. Ma allora non bisogna fare il giornalista ma cambiar mestiere...
2019-08-11 15:10:53
Un fuori di testa. Nessuno se n'era accorto?
2019-08-11 10:00:50
Potrebbe essere una causa dovuta a brutte malattie o depressione.. Brutte storie cmq
2019-08-11 11:50:21
Tutto quello che vuoi ma perchè uccidere e uccidersi ?
2019-08-11 13:39:42
@NON AVRAI RISPOSTA, purtroppo !! INUTILE fare la domanda.....