Tre bellunesi risucchiati in mare mentre camminano sulla riva: donna muore

Risucchiati in mare da un'onda:  donna 55enne muore annegata  Ferita sorella sottosegretario Bressa
SALERNO - Una passeggiata lungo la costa si è trasformata in tragedia per Mariangela Calligaro, 55enne di Belluno in vacanza in Costiera Amalfitana, travolta da un'onda che l'ha risucchiata nel mare di Praiano. La donna si trovava in compagnia del marito, Carlo Talamini di 56 anni, e di un'altra coppia di amici, Nicoletta Bressa (sorella del sottosegretario per gli Affari Regionali, Gianclaudio Bressa) e Nicola Zeggio, entrambi di 57 anni.

LEGGI ANCHE Il testimone:«on una mano agganciato alla ​boa, con l'altra teneva la moglie»

Erano usciti per fare trekking quando sono stati sorpresi dal mare ingrossato. Sono finiti tutti in acqua, trascinati lontano dalla furia dell'onda. Solo uno dei quattro, Nicola Zeggio, è riuscito a non farsi risucchiare in mare.  Mariangela Calligaro, il marito e l'altra donna, sono stati presi dalla forza dell'onda e trascinati in mare. Dalla banchina, Nicola Zeggio ha subito dato l'allarme al quale hanno prontamente risposto alcuni operai del servizio idrico.

Zeggio si è immediatamente lanciato in acqua per soccorrere la moglie, Nicoletta, lanciandole un salvagente, mentre alcuni passanti gli facevano sicurezza tenendo la fune alla quale era attaccato il salvagente. Ma l'altra coppia era fuori portata, risucchiata con violenza e trascinata già al largo dall'onda, a oltre cinquanta metri dalla riva, con mare furioso. Il marito, Carlo Talamini, era attaccato ad una boa con la forza della disperazione, e tratteneva la moglie esanime perché il mare non la portasse via. I due sono stati raggiunti da una motovedetta della Capitaneria di Porto: lui era in stato di ipotermia e di choc, per Mariangela non c'è stato nulla da fare nonostante le siano state praticate le tecniche di rianimazione. ​I quattro turisti veneti soggiornavano in una struttura del centro, a Praiano: avrebbero fatto ritorno in Veneto venerdì. La salma di Mariangela Calligaro è stata portata all'ospedale di Castiglione di Ravello per l'esame autoptico che ne ha sancito il decesso per annegamento. Diverse le ecchimosi sul viso, conseguenza della caduta. 

QUELLA GITA CON GLI AMICI DI SEMPRE
Amici da sempre: Mariangela Calligaro con il marito Carlo Talamini, Nicoletta Bressa con il marito Nicola Zeggio. Si conoscono dai tempi del ginnasio. Tutti e quattro, infatti, hanno sudato al liceo-ginnasio Tiziano di Belluno. «Sono partiti in aereo per la costiera amalfitana il primo dell'anno, un periodo di vacanza con il programma per una settimana», raccontano Andrea e Enzo Talamini, fratelli di Carlo. 

CHI ERA MARIANGELA
Mariangela, laureata in Lingue straniere, la donna aveva lavorato alla Banca Commerciale. Poi era diventata consulente finanziaria alla Fideuram. La 55enne aveva perso i genitori, e non aveva figli ma aveva ancora due fratelli: Franco, che vive in Inghilterra, e Marcello. 

QUEL TRATTO DI COSTIERA MALEDETTO
Quel tratto costiero di "passeggiata" è dotato di parapetto, ma è troppo esposto alla furia improvvisa del mare: non è la prima volta che una tragedia simile si verifica a Praiano. Accadde anche il 25 gennaio del 2009 quando Manuela Castaldo, 37 anni di Mogadiscio ma residente a Napoli, fu travolta mentre passeggiava in spiaggia. Anche per lei non ci fu nulla da fare.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 2 Gennaio 2018, 13:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tre bellunesi risucchiati in mare mentre camminano sulla riva: donna muore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 41 commenti presenti
2018-01-04 13:12:22
Si ma quelli lavorano mentre voi scaldate la sedia scrivendo commenti
2018-01-04 11:55:50
Trekking a dieci cm dalle onde? Imprudenza e' il minimo che si possa dire...
2018-01-04 07:33:31
Se la sono cercata. Conosco il posto . Oltre ad esserci cartelli che indicano il pericolo in caso di mareggiata la conformazione del luogo dovrebbe suggerire estrema prudenza in caso di maltempo. Ma al giorno d' oggi per una foto o un selfie suggestivo si rischia la vita. È da una settimana che la Costiera si trova in pessime condizioni meteomarine con venti forti e onde molto alte. Impossibile che i turisti non sapessero . Adesso è comodo dare la colpa al Comune perché la strada non era chiusa....
2018-01-04 11:04:51
Ma copertone dice che nn ci sono cartelli! Oh ma l’ha visto su googlemap peró!!
2018-01-03 19:37:04
Quale lavoro statale ? Scalda careghe