Maxi evasione da 83 milioni: c'è il clochard che vive in tenda ma è Ceo a Trento

PER APPROFONDIRE: clochard, evasione fiscale, trento
Maxi evasione da 83 milioni: c'è il clochard che vive in tenda ma è Ceo a Trento
TRENTO - C'è anche un clochard che vive in una baracca della degradata periferia ad est di Napoli nell'esercito di disperati che un paio di truffatori campani hanno messo a capo di una folta galassia di società create esclusivamente per una maxi evasione fiscale transnazionale da oltre 83,5 milioni, scoperta dalla Guardia di finanza.

Bruno Improta, 53 anni, è risultato amministratore unico e rappresentante legale della "21 Soluzioni srl", una società di Trento che, solo nel 2015, ha evaso 1,75 milioni di Iva. Ma l'evasore fiscale Improta è nullatenente e, per sbarcare il lunario,raccatta metallo e vecchiume tra la spazzatura. Quando, sempre nel 2015, la sua ditta ha sviluppato un volume d'affari pari a circa 50 milioni di euro viveva in una tenda fatta di corde e buste dell'Ikea. Rintracciato e intervistato, dall'Ansa, ha «confessato» che quei milioni non gli sono mai passati tra le mani. Anche i finanzieri gli hanno creduto: «E chi li ha mai visti - ha detto - le pare che se io avessi 50 milioni starei qui? Andrei a vivere in una villa ad Arcore».

I militari gli hanno notificato l'avviso di conclusione indagini e il provvedimento di sequestro ma lui non ha fatto una piega: «Dottò io non tengo niente da perdere: ho solo una baracca, tre cani ed un gatto». Poi, però, è stato assalito da un dubbio: «Contavo sul Reddito di cittadinanza...che dite, non è che dopo questo guaio me lo posso scordare?».

Tra i 49 indagati figurano tantissime persone indigenti, come il clochard di Napoli. Le «loro» aziende, è stato stimato, avrebbero sviluppato un volume d'affari da capogiro: circa mezzo miliardo di euro, con prodotti hi-tech venduti a prezzi stracciati - perchè non veniva pagata l'Iva - forse anche su importanti siti di e-commerce. L'inchiesta si è avvalsa di una squadra investigativa formata dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli e di Lucca, e dalla Polizia slovena, con il coordinamento di Eurojust. Le indagini sono nate proprio a Lucca, dove i finanzieri hanno scoperto che qualcosa non andava nella vendita di prodotti elettronici che venivano acquistati da negozi toscani. Hanno seguito una pista che li ha condotti prima in Campania e poi in Slovenia, Croazia, Malta ed Estonia. È emerso il coinvolgimento di numerose società, quasi tutte non operative, amministrate da soggetti lontani mille miglia dalla figura dell'imprenditore o del dirigente di impresa che però facevano capo, alla fine, a criminali già noti alle forze dell'ordine, uno residente ad Avellino, l'altro ad Aversa. I due avevano creato, con la complicità di commercialisti e altri professionisti, numerose «società cartiera», affidandole formalmente per poche centinaia di euro a soggetti per lo più disoccupati e nullatenenti che, di volta in volta, come è stato accertato, dopo essere stati pagati venivano ripuliti e vestiti in giacca e cravatta per essere poi presentati a notai e direttori di banca come rampanti imprenditori pronti a sbarcare nel competitivo mondo del commercio internazionale dell'hi-tech. Ditte con un'aspettativa di vita di qualche anno che poi fallivano. E il «giro» iniziava nuovamente con altre ditte e altri prestanome. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Giugno 2019, 17:58






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Maxi evasione da 83 milioni: c'è il clochard che vive in tenda ma è Ceo a Trento
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-06-19 11:15:22
Napoli, basta la parola.
2019-06-19 10:55:46
napoli, avellino, aversa.. detto tutto
2019-06-19 10:36:21
copppertone "napoli, capitale della truffa e del malaffare." come sempre sei bene informato su quello che succede dalle tue parti
2019-06-18 22:45:09
Schengen ha amplificato e moltiplicato al quadrato queste possibilità. Inutile far finta ( o peggio non capire veramente) le possibilità. È molto semplice, fallisco in Italia, "apro" in Slovacchia prendo una casa, faccio residenza, la residenza della ditta invece, presso il mio commercialista che ovviamente è uno studio con titolare italiano, e con personale che parla italiano....alcuni anni li faccio qui.....poi ripeto in Slovenia, poi a Malta, e quindi in Estonia, poi Polonia.....e ciao....queste cose si sanno, ma si vuol far finta che non esistano..
2019-06-18 22:09:14
napoli, capitale della truffa e del malaffare.