Giovedì 11 Luglio 2019, 09:14

I friulani della Transiberiana: quei 500 operai emigrati con le famiglie in Urss

PER APPROFONDIRE: friuli, operai, trensiberiana
I friulani della Transiberiana: quei 500 operaio emigrati con le famiglie in Urss
La straordinaria e in parte tragica epopea di un gruppo di cinquecento operai e le loro famiglie emigrate in Urss per lavorare alla costruzione della ferrovia agli inizi del Novecento. Una storia minore che racconta sudore e sacrifici in un terra inospitale. Obiettivo: realizzare la strada ferrata e le stazioni in una regione impervia come quella attorno ad Irkutsk e al Lago Bajkal.

LA STORIA
Si chiamavano Zanier, Brovedani, Indri, venivano da Pradis, Clauzetto, Vito d'Asio. Erano i friulani che hanno lavorato alla costruzione della ferrovia attorno al lago Bajkal, la krugobajkalskaja, in Siberia, agli inizi del Novecento. Una storia incredibile, la loro, evocata da Carlo Sgorlon nel romanzo La conchiglia di Anataj, ma rimasta a lungo misteriosa. Soltanto in anni abbastanza recenti si è andati più a fondo, quando la scrittrice russa Elvira
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
I friulani della Transiberiana: quei 500 operai emigrati con le famiglie in Urss
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-07-11 12:53:06
.. ma come?.. non erano " migranti "..
2019-07-11 09:58:35
La Transiberiana mi risulta sia stata completata nel 1916...l'unione sovietica fu fondata nel 1922....come fecero questi Friulani ad emigrare in USSR...e' un mistero che solo il gazzettino ed i suoi disinformati "giornalist"i conoscono.
2019-07-11 11:40:35
e secondo te molti girnalisti hanno chiara la differenza tra URSS e Russia? Mi sa che chiedi troppo...
2019-07-11 12:11:12
Ci sono ottimi giornalisti al Gazzettino. Chi fa i titoli (anche in altri quotidiani...) spesso neppure legge il pezzo e cosi' nascono le montagne assassine, le bombe d'acqua, le estati da incubo...
2019-07-11 09:46:51
Il Friuli ed il Cadore di fine ottocento (ma pure di entrambi i due dopoguerra) sono state terre di emigrazione in ogni parte del mondo! Non a caso ci sono piu' friulani (di seconda e terza generazione) in Canada, Australia, Nuova Zelanda, Brasile ed Argentina che nel Friuli attuale. Io stesso ho parenti in Oceania (Nuova Caledonia)!