Sabato 15 Dicembre 2018, 09:32

Donazzan: «Test antidroga a scuola. E licenziare prof che avvisano gli studenti»

PER APPROFONDIRE: elena donazzan, scuola, test antidroga
Donazzan: «Test antidroga a scuola. E licenziare prof che avvisano gli studenti»
Test antidroga in tutte le scuole, per tutti gli studenti. È la proposta di Elena Donazzan, assessore all'istruzione della Regione Veneto, di fronte al dilagare del consumo di sostanze stupefacenti tra i ragazzini. «Ogni giorno assistiamo a segnalazioni della presenza di droga negli istituti scolastici - annota Donazzan - Ne parla la stampa, sui social imperversano messaggi di ogni tipo, veicolati anche da canzoni provocatorie che spopolano tra i giovanissimi».

VOI COSA NE PENSATE? VOTATE IL SONDAGGIO

«La diffusione di sostanze stupefacenti appare ormai un fenomeno di consumismo disinvolto tra i più giovani. Ragazzi e preadolescenti vanno a scuola portando nello zaino non la merenda, ma la canna di hashish o marijuana o altre sostanze stimolanti o allucinogene». 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Donazzan: «Test antidroga a scuola. E licenziare prof che avvisano gli studenti»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2019-01-30 09:39:59
Eliminare le regioni! Soldi pubblici cioè di cittadini e imprese buttati nel cesso per mantenere politicanti e un esercito di gira carte!!! Stato unico e semplificazione normativa servono x il progresso di tutti!!!
2018-12-17 08:26:39
Allo stesso modo di quanto proposto a suo tempo per i parlamentari, con scarse adesioni all'iniziativa, la signora Donazzan proponga anche l'effettuazione del test a tutti i consiglieri regionali, sull'integrità dei quali, sia ben chiaro, non abbiamo alcun dubbio. Sarebbe un buon esempio e un buon punto di ppartenza. Per quanto riguarda gli studenti, possiamo solo constatare quanto sia inadeguata nel proprio ruolo di assessore all'istruzione. Non è con azioni di polizia come quelle proposte che si educano i giovani ad essere responsabili, ma con iniziative educative promosse nelle scuole, che vedano coinvolti nel ruolo di educatori medici specialisti, le stesse forze dell'ordine,genitori e docenti. Iniziative che un assessore all'istruzione dovrebbe avere, sullo specifico tema, come primo obiettivo. Per il resto pensi anche a problematiche meno eclattanti ma di certo ben più pericolose, come l'alcol (con le decine di migliaia di morti che, direttamente o indirettamente provoca in Italia) e il fumo di sogaretta, non meno nocivo, responsabile di più di 30.000 casi all'anno di morti per cancro al polmone. Per aver coscienza di tutto questo, l'assessore Donazzan dovrebbe prima studiare e poi approfondire anche questi problemi, di certo non meno importanti dello "spinello".
2018-12-15 21:47:09
quando lavoravo a chi aveva il patentino del muletto se venivi pescato ubriaco e se con la prova del capello scoprivano che ti drogavi il patentino te lo dimenticavi. passavi, con le dovute cautele e senza clamore ad un altra mansione. il problema era che se tu facevi una balla il sabato sera al lunedi ti presentavi sul muletto ed era tutto a posto, se inveci ti facevi uno spinello quello lo vedevano anche se ti passava l'effetto. e c'è anche una cosa da dire, se faccio una balla una volta l'anno non sono alcolizzato. se invece mi faccio uno spinello sono un drogato perchè poi di spinelli devi farne sempre anzi, per sentirne l'effetto devi passare a roba sempre più pesante. ora non capisco perchè non si possa fare altrettanto per qualsiasi altra mansione o lavoro.
2018-12-15 20:38:06
Quanti milioni di studenti ci sono da controllare? Chi paga? Si capisce che l'assessora parla... parla...parla.
2018-12-15 20:28:50
fare i test antidroga anche sugli insegnanti! che di canne se ne fanno alla grande!...