Grosso giro di Green pass falsi a Pergine e Trento: «Come lo vuole, positivo guarito o negativo?»

Martedì 25 Gennaio 2022 di Redazione Web
Green pass falsi a Pergine e Trento

TRENTO - Cinque persone, tra cui un infermiere libero professionista, risultano indagate in Trentino per associazione a delinquere finalizzata al falso, corruzione e accesso abusivo informatico. Secondo quanto ipotizzato dalla sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica e dalla Guardia di finanza di Trento, i cinque avrebbero gestito un mercato di tamponi antigenici falsi in due centri diagnostici, aperti rispettivamente presso il centro sportivo di Pergine Valsugana e a Trento nord, in via Senesi.

Green pass, dal primo febbraio le nuove restrizioni. Negozi, tabaccai, librerie: le regole

Le indagini avrebbero accertato l'acquisto di esiti positivi del tampone, al fine dell'ottenimento del Green pass di guarigione, oppure negativi, a seconda dei desiderata. A seguito di alcune perquisizioni sono state sequestrate le strumentazioni informatiche utilizzate per la registrazione dell'esito dei tamponi e 120.000 euro in contanti, in banconote di vario taglio. 

 

Ultimo aggiornamento: 17:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci