Venerdì 13 Luglio 2018, 09:16

Tagli dei vitalizi, ecco chi perde di più a Nordest: "colpiti" in 116

PER APPROFONDIRE: friuli, nordest, onorevoli, tagli, veneto, vitalizi
Tagli dei vitalizi, ecco chi perde  di più a Nordest: "colpiti" in 116
Per l'ex deputato Pci Massimo Cacciari, già più volte sindaco di Venezia, il taglio è da mannaia: meno 3173 euro al mese per una pensione ricalcolata con i nuovi parametri decisi dalla Camera a guida Roberto Fico di 1551 euro (- 67,16%). (La tabella scaricabile in Pdf all'interno dell'articolo a pagamento o sul giornale in edicola oggi, 13 luglio) Assegno dimezzato per l'ex ministro socialista Gianni De Michelis, che perde 4906 euro al mese scendendo a 4481 euro (- 52%). Va male anche per l'ex deputato dei Ds-Pds Cesare De Piccoli, già vice sindaco di Venezia, bruciati 3338 euro al mese, si dovrà accontentare di 3200 (- 51%). Più di cinquemila euro li perderà l'ex deputato veronese del Psi Angelo Cresco. Riduzione di soli 1493 euro per il presidente da una vita di Fondazione Cassamarca Tagli dei vitalizi, ecco chi perde di più a Nordest: "colpiti" in 116, deputato trevigiano Dc dal 1968 al
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tagli dei vitalizi, ecco chi perde di più a Nordest: "colpiti" in 116
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 47 commenti presenti
2018-09-19 20:55:17
sono sicuro che adesso aspetteranno , questi signori,il nuovo decreto del reddito di cittadinanza
2018-07-15 02:54:48
e xche ormai non si toccano le pensioni dei 32,000 ex - sindacalisti? 1) non hanno mai lavorato e si sono fermati mezz'ora prima di sudare e 2) vanno ancora in pensione con il retributivo (ben gonfiato nell'ultimo anno di attivita').
2018-07-14 11:39:37
Diciamola tutta, i vitalizzi sono stati ridimensionati, non sono spariti, con buona pace del giornalista Giordano e degli infantili brindisi di di maio e raggi, ma questi vitalizzi continuano a prenderli, altro sarebbe stato se fossero stati rimborsati tutti i soldi che hanno preso in tutti questi anni, i veri privilegi invece, non sono stati sfiorati, quei 15000 euro al mese dei deputati e senatori, e la pensione di 1000 euro con soli 4 anni e 6 mesi di Parlamento. Comunque adesso che salvini ha definitivamente sgominato le bande degli scafisit e fermato l'invasione dei neri, e di maio ha affossato i vitalizi e i privilegi dei politici, possono finalmente elimiare la Fornero e darci il reddito di cittadinanza, anche a quei 8000 mila che ogni anno perderanno il lavoro , merito del decreto di dignità. Abbiamo fato proprio un bell'affare.
2018-07-14 08:24:59
Io temo che si sia voluto tagliare i vitalizi, con una mossa di alto contenuto simbolico ma perfettamente inutile, solo per creare un precedente onde poter attuare un ben più utile taglio alle pensioni, ricalcolandole secondo il metodo contributivo, a iniziare da quelle cosiddette d'oro per poi via via inglobarle tutte. Non vi sarebbe niente da dire se il sistema retributivo avesse efficacia dal momento dell'entrata in vigore della legge in poi, interessando i futuri pensionati, ma avrebbe effetti devastanti se il taglio venisse applicato anche alle pensioni in essere già in precedenza calcolate secondo il sistema retributivo, incluse le minime.
2018-07-14 11:43:01
Come diceva Andreotti a pensar male si fa peccato, ma qualche volta ci si azzecca, in fondo i grillini non fanno altro cheseguire le istruzioni del guru, Grillo, il quale nelle sue fantasie ha progettato la decrescita felice, vuol dire che chi è povero diventerà ancora più povero, ma felice.