Spiagge sicure, Fontana (Lega): «I numeri danno ragione al giro di vite di Salvini»

Lunedì 22 Luglio 2019
2
«Ben 2125 beni sequestrati, 51 sanzioni comminate, 6 mezzi acquistati e 8 nuove assunzioni per personale stagionale della polizia locale. 'Spiagge sicure' 2019 conferma la sua efficacia con questi numeri in Veneto. Grazie al ministro Salvini che ha promosso e voluto questa operazione per garantire la sicurezza dei nostri litorali!». Così su Facebook oggi il ministro Lorenzo Fontana, commissario della Liga Veneta, commenta il primo report dell'operazione «Spiagge Sicure» 2019.

STRADE SICURE  - Più di 3.500 pattuglie effettuate, circa 700 persone identificate, 27 fra arresti per diverse tipologie di reato e denuncie in stato di libertà, circa 100 interventi a favore di cittadini colti da malore o vittime di incidenti stradali, o ancora nei confronti di minorenni, italiani e stranieri, smarriti e in cerca dei genitori. È questo il bilancio delle prime settimane di servizio svolto a Roma dagli oltre 2.000 uomini e donne della Brigata «Julia». Dallo scorso 20 giugno gli alpini prestano servizio nell'ambito dell'Operazione «Strade Sicure», al comando del Generale Alberto Vezzoli, 44ø Comandante della «Julia», e presidiano più di 160 obiettivi tra siti istituzionali, artistici, sedi diplomatiche, nodi di scambio, luoghi di culto e di interesse religioso. Dal 4 agosto 2008, l'Esercito italiano conduce l'operazione «Strade Sicure», sul territorio nazionale in concorso e congiuntamente alle Forze di polizia. A oggi, si tratta dell'impegno più oneroso dell'Esercito in termini di uomini, mezzi e materiali. 
Ultimo aggiornamento: 18:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA