Siccità, l'accusa di Zaia: «Stato di emergenza chiesto al governo ad aprile»

Sabato 18 Giugno 2022 di Redazione Web
Siccità, l'accusa di Zaia: «Stato di emergenza chiesto al governo ad aprile»
5

VENEZIA - «Se il governo ci avesse dato retta, forse adesso staremmo già risolvendo i problemi legati alla siccità. Il 21 aprile infatti avevo inviato una lettera al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e al capodipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, per chiedere di valutare la dichiarazione dello Stato di emergenza finalizzato a definire le modalità di gestione sovraregionale della crisi idrica»  afferma il governatore del Veneto, LucaZaia.   «Contemporaneamente - prosegue - nel documento richiedevo un adeguato sostegno economico per l'attuazione degli interventi urgentemente necessari per garantire la pubblica incolumità, il ripristino dei danni subiti dal patrimonio sia pubblico sia privato e le normali condizioni di vita della popolazione».

«Ben venga ora l'apertura del governo, tuttavia si poteva agire prima. Speriamo non sia troppo tardi» conclude Zaia.

Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 14:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci