Nuovo segretario Pd, il Veneto si "divide" fra Bonaccini e Ricci, ma la maggior parte non si schiera

Lunedì 5 Dicembre 2022 di Alda Vanzan
Moretti e Ferrazzi

VENEZIA - Congresso del Partito Democratico a gennaio: in Veneto in pochissimi hanno preso posizione, la maggior parte è ancora in una fase di attesa. Mentre sabato scorso a Firenze il governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini ha annunciato la sua candidatura a segretario nazionale del Pd in ticket con il sindaco del capoluogo toscano Dario Nardella (la promessa: «Mai più candidati scelti da Roma») e lo stesso ha fatto ieri a Roma la deputata Elly Schlein («Voglio diventare la nuova segretaria, facciamolo insieme»), in Veneto i dem nelle stesse ore sono stati ospiti dei salesiani nella casa San Marco ad Abano Terme per un seminario a porte chiuse. Intitolato Geografie e parole del nuovo Veneto; l'appuntamento non contemplava posizionamenti congressuali, ma il tema ormai è di strettissima attualità. Con una certezza: non ci saranno candidati veneti.

I CONTENDENTI
Per il dopo Enrico Letta, i candidati in pectore alla guida del Pd nazionale sono potenzialmente quattro. Tre dell'Emilia Romagna: il presidente della Regione Stefano Bonaccini, la sua ex vicegovernatrice e oggi deputata Elly Schlein, la parlamentare ed ex ministra Paola De Micheli. E poi potrebbe esserci il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, tra l'altro unico ad essere già arrivato in Veneto con l'iniziativa Pane e politica, una sera a cena da una famiglia.
Ma chi sostiene chi? Al momento in Veneto si conoscono soprattutto i bonacciniani: l'ex senatore veneziano Andrea Ferrazzi è da mesi che sta dando una mano al presidente dell'Emilia-Romagna. «Bonaccini - dice Ferrazzi - rappresenta l'idea di un Pd che nasce nel territorio e che sa aprirsi, essere accogliente e convincente, c'è una bella rete di sindaci e di civici».

Con Bonaccini si sono già schierati l'europarlamentare Alessandra Moretti, il consigliere regionale Andrea Zanoni e l'ex senatrice Laura Puppato. Date per certe anche le consigliere regionali Francesca Zottis e Anna Maria Bigon, oltre all'ex deputata Alessia Rotta.
Chi sta con Elly Schlein? Al momento nessuno, anche se la truppa potrebbe infoltirsi. «Schlein è una bella candidatura e va bene che partecipi alle primarie, ma mi lascia perplesso che possa guidare il Pd in maniera espansiva, anche per la parte più moderata, senza la quale non vinceremo mai», osserva Ferrazzi.
Con il sindaco di Pesaro l'ex sindaco di Vicenza, oggi europarlamentare, Achille Variati: «Se Matteo Ricci si presenterà al congresso lo sosterrò perché ha la concretezza del sindaco e sta facendo un lavoro di ascolto che gli altri non fanno».

RIMESCOLAMENTO
Un po' di rimescolamento nelle correnti c'è. I dem di Base Riformista (in gergo gli ex renziani) sarebbero con Bonaccini, idem quanti si riconoscevano nei ministri Graziano Delrio (l'ex segretario regionale Alessandro Bisato) e Maurizio Martina (Lucio Tiozzo). Dario Franceschini sarebbe con Schlein, ma non così Variati e pare neanche Piero Fassino. Se Letta (che come Fassino è stato eletto in Veneto) è descritto come amareggiato tanto da voler restare fuori dai giochi, il suo esponente di punta in regione, Giacomo Possamai, sarebbe invece orientato a sostenere Bonaccini. Con Paola De Micheli il segretario del Veneto orientale Enrico Franchin. Il resto del partito, a cominciare dal segretario veneto Andrea Martella, non ha ancora preso posizione.
E lo stesso vale per Articolo 1: «Alla fine del percorso costituente decideremo se partecipare o meno al congresso - dice Michele Mognato -. Il tema non è solo cambiare il segretario, ma stabilire cosa vuoi fare, chi vuoi rappresentare, con chi costruire un campo progressista». Dibattere, cioè. Solo che in Veneto di comitati provinciali costituenti non s'è ancora vista l'ombra. E non è che tempo ce ne sia tanto: da fine gennaio l'ufficializzazione delle candidature, poi le votazioni nei circoli del Pd con i 2 più votati che andranno a duello nelle primarie aperte del 19 febbraio.
Alda Vanzan
 

Ultimo aggiornamento: 16:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci