La Lega islamica: «Il presepe non ci dispiace, ma date spazio anche a noi»

PER APPROFONDIRE: bouchaib tanji, islam, presepe
Bouchaib Tanji in primo piano
VENEZIA - Come ogni anno, in prossimità del Natale, spuntano le polemiche sul Presepe nelle scuole: ancora una volta, direttamente o indirettamente, si cerca di tirare in ballo i musulmani«: lo dice Bouchaib Tanji, Presidente Lega Islamica del Veneto. «Spero però che questa sia davvero l'ultima volta perchè oramai come musulmani abbiamo detto, chiarito e sottolineato che nel vedere un Presepe, cantare il Natale o ascoltare il nome di Gesù e di Maria, a noi non dispiace, anzi - sottolinea - Basta leggere il Corano per sapere che per i musulmani Gesù Cristo è un grande profeta che ha compiuto miracoli. Gesù Cristo e la Vergine Maria si incontrano in circa 100 versetti del Corano». Tanji non nasconde la sua esasperazione: «Negli scorsi anni abbiamo acquistato pagine intere di giornali - ripete - per fare gli Auguri di Natale ai cristiani (e a tutte le persone di buona volontà), abbiamo donato presepi, abbiamo partecipato alle Sante Messe nelle chiese cattoliche».

Le famiglie musulmane non si sentono quindi offese, «se nella loro scuola si costruisce un presepio. Ci piacerebbe invece che si creassero occasioni per far conoscere a tutti, bambini e giovanissimi compresi, i fondamenti della nostra fede, i nostri luoghi di preghiera, le nostre tradizioni».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 3 Dicembre 2018, 14:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La Lega islamica: «Il presepe non ci dispiace, ma date spazio anche a noi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-12-08 11:54:35
Se non martirizzassero i cristiani che vivono nei paesi musulmani, se li lasciassero professare la loro fede senza in alcun modo interferire credo che potremmo accettare di buon grado anche il musulmano qui in Italia. Quando una donna europea nei loro paesi potrà circolare liberamente senza il nijab potremmo dire che l'Islam è pace.
2018-12-04 09:48:30
Ecco anche perché l'immigrazione deve essere temporanea, fintantoche' nella propria patria non si risolvono i problemi che hanno causato l'esodo.Dopodiche' ognuno torni alle proprie tradizioni, avendo rispetto per le proprie e quelle degli altri fede compresa
2018-12-04 09:30:59
In effetti a scuola si dovrebbero studiare le religioni, come si studiano la storia, la filosofia e tutto il resto. Ma gli insegnanti, nell'espletare il loro delicato compito, doverebbero sforzarsi di essere il più possibile estranei ad ogni confessione (come ad ogni ideologia) e lo studio affrontato senza alcun intento dottrinale. Ovviamente ci vorrebbero persone preparate, selezionate per concorso pubblico e non dalla Curia, dalla Lega islamica o che so io. Ci abbiamo messo tanto a tener lontani dalle scuole preti e suore, e ci mancherebbe altro che ora si insinuassero gli imam.
2018-12-03 22:46:48
noi siamo molto tolleranti. Ma non co chi offende il nostro Amatissimo Profeta! Islam prima religione in italia tra 30 anni!
2018-12-03 19:59:06
Prima di tutto cambiate molti versetti del vostro Corano. AAAAHHHH...... ma il Corano è la parola di Dio e la parola di Dio non si può modificare, è eterna ed immutabile. BENE, se è così, allora tutti a casa vostra, senza se e senza ma. Qui non sentiamo il bisogno della vostra cavernicola cultura, nè della vostra arroganza.