Polizia Postale, in 4 mesi scongiurate truffe online per un milione di euro

PER APPROFONDIRE: polizia postale, postale, truffa
Polizia Postale, in 4 mesi scongiurate truffe online per un milione di euro
MESTRE - E' milionario  l'importo del denaro che gli agenti del compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Venezia sono  riusciti ad individuare e bloccare impedendone l'illecita disponibilità da parte di truffatori e criminali.

 Spesso si tratta di aziende vincolate da rapporti commerciali. I criminali, sostituendosi all'azienda venditrice attraverso un indirizzo di posta elettronica creato ad arte e apparentemente riconducibile alla medesima (anche per loghi e riferimenti), indicano a quella acquirente un Iban diverso da quello usuale per effettuare il pagamento della merce ordinata, paventando problemi di varia natura con il proprio istituto di credito.

I successivi pagamenti avvengono quindi a favore di Iban all'estero o nella disponibilità di soggetti legati ai criminali. Nei primi quattro mesi di quest'anno, la Polizia Postale di Venezia ha consentito l'individuazione ed il blocco di tale significativa somma di denaro che sarà restituita ai legittimi titolari, ovvero aziende del territorio, amministratori condominiali ed imprenditori.

A livello mondiale, nel 2017, l'importo di denaro acquisito da tali tipologie di frodi ammonta a 120 miliardi di dollari.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 11 Maggio 2019, 12:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Polizia Postale, in 4 mesi scongiurate truffe online per un milione di euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-05-12 00:23:56
Basterebbe un servizio di mezzo minuto su tutti i tg per informare del trucco, e avvisare che chi riceve email di questo tipo deve chiedere conferma telefonica alla controparte. Che poi, a dirla tutta, non occorre nemmeno essere dei geni per pensarci.
2019-05-11 19:02:33
Ogni giorno ricevo posta elettronica anche da parte di famose compagnie aeree oppure anche di banche nazionali che in tutto e per tutto sono perfettamente simili agli originali. Ti chiedono di aprire un link e la frittata e' fatta. Dotarsi di un buono e potente antivirus e di una sana e potente attenzione. Sono tutte truffe, tutte frodi, tutti tentativi d'impadronirsi del tuo numerio di conto corrente e delle tue password. Fare la massima attenzione.
2019-05-11 14:10:25
Se un fornitore mi cambia la banca prima di fare il bonifico una vecchia e cara telefonata al responsabile amministrativo io la spendo ... gli allocchi no ....
2019-05-11 13:32:37
La polizia postale ha fatto, almeno con noi, un gran lavoro ma se poi non ci sono gli strumenti per andare prendere i delinquenti diventa tempo sprecato e se ne parla pochissimo. Pensate che le regioni più colpite sono veneto ed Emilia Romagna Comunque il nome di questa truffa e' "man in the mail" se volete informarvi e vi do un consiglio non pensate che queste cose succedano solo agli altri perché anche noi abbiamo fatto lo stesso errore
2019-05-11 13:25:11
La mia azienda ha contribuito a quei 17miliardi di dollari. Purtroppo nel nostro caso il giudice ha archiviato tutto il fascicolo perché non sanno dove andare a chi sono andati i soldi. Sanno che sono in Cina ma per verificare non e' proprio dietro l'angolo. Alla faccia della via della seta