Il Veneto taglia i pfas: adottati i limiti più bassi di tutta Europa

PER APPROFONDIRE: acqua, delibera, limiti, luca zaia, pfas, regione, veneto
Luca Zaia
La Giunta regionale del Veneto ha approvato una delibera che fissa in 90 nanogrammi per litro (di cui 30 di pfos) il limite di pfas contenuti nelle acque potabili e in 300 nanogrammi per litro la presenza di sostanze a catena corta. Lo ha annunciato il presidente, Luca Zaia, precisando che la delibera (che recepisce la relazione dell'Arpav richiesta dalla Giunta dopo la ricezione da parte del Ministero di una lettera che incarica la Regione di fissare i limiti) sarà domani all'esame della Commissione ambiente, per poi confluire la prossima settimana nella delibera definitiva.

«I limiti che fissiamo - ha sottolineato Zaia - sono i più bassi d'Europa e, nella cosiddetta "zona rossa", abbassiamo ulteriormente la quota di pfos a 40 nanogrammi, al di sotto del limite mondiale più basso, fissato dal New Jersey. È una risposta che vogliamo dare ai cittadini, visto che, parlando di una cosa serissima, non è il tempo delle polemiche, ma bisogna agire».

Dall'allarme lanciato dal Ministero nel 2013, presentando uno studio del Cnr, il Veneto si pone dunque come realtà all'avanguardia in Italia, pur richiedendo la fissazione di limiti nazionali, come avviene in Germania e Svezia. «Ci sono voluti - commenta al riguardo Zaia - ben quattro mesi per ricevere da Roma una risposta sulla nostra richiesta formale e ci è stato detto, appunto, che solo noi abbiamo questo problema e di attivarci direttamente per fissare i limiti. Stiamo sondando un ambiente nuovo, per cui abbiamo fissato spannograficamente questi limiti. Non ci stiamo a essere trattati come guastafeste, anche se siamo pronti ad un lavoro di squadra con Roma per la fissazione di limiti nazionali. Siamo pronti a correggere il tiro, ma, se questi saranno più alti, in ogni caso, noi rimarremo sulle nostre posizioni, pur sapendo che ci aspetta un dialogo non facile con i consorzi e costi per almeno un milione l'anno nella sola zona rossa, che comunque metteremo in seguito sul conto di chi verrà condannato».

«La gravità e l'estensione dell'inquinamento da Pfas in Veneto, e in particolare nelle province di Vicenza, Verona e Padova, richiedono una stretta e leale collaborazione tra tutte le istituzioni per essere affrontate in modo risolutivo. Non servono certo polemiche legate più a questioni di consenso per il referendum consultivo del Veneto che alla tutela dell'ambiente e della salute». Lo scrivono in una nota Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente della Camera, e Alessandro Bratti, presidente della Commissione bicamerale ecomafie. «Con il decreto ministeriale "Ambiente-Salute" dello scorso luglio - proseguono realacci e Bratti - sono stati introdotti standard precauzionali sugli Pfas, affinché ogni regione possa adeguare o ridurre i parametri in base alla peculiarità del suo territorio e degli inquinanti in esso presenti. Non ci sono ancora limiti nazionali uniformi per le acque potabili come per quelle di fognatura». «Vista la complessità e serietà della situazione - concludono Realacci e Bratti - abbiamo chiesto ai ministri dell'Ambiente e della Salute, nell'interrogazione appena depositata, quali misure intendano assumere per fissare limiti uniformi in tutto il territorio nazionale in tema di inquinamento da Pfas. Sarebbe inoltre importante che i Ministri interrogati, d'intesa con la Regione Veneto, fornissero un quadro degli interventi in atto per l'approvvigionamento e la depurazione delle acque nelle province venete colpite. Chiediamo infine quale siano le strategie per mettere in sicurezza e/o bonificare le falde contaminate»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Settembre 2017, 14:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Veneto taglia i pfas: adottati i limiti più bassi di tutta Europa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 46 commenti presenti
2017-09-26 19:40:25
@ gazzettino42039 2017-09-25 16:20:14 – Anche con lei mi scuso del ritardo con il quale le rispondo. Ho letto alcuni articoli, facilmente rintracciabili su internet sulla querelle tra Governo e Zaia. Al di là delle chiacchiere, ho letto di uno ''stanziamento'' da parte del Governo di 100 milioni e che solo ora sono ne stati ''sboccati'' 80. Il resto mi sembrano tante belle chiacchiere. Ha visto la trasmissione su ''Dalla Vostra Parte'' che ha trattato il tragico problema? Saluti.
2017-09-26 19:39:28
@ cuorebuono 2017-09-25 16:20:52 - Mi scuso se rispondo con ritardo, ma gradirei che lei mi dicesse cosa dovrebbe fare Zaia dato che il problema non riguarda solo il Veneto ma tante altre regioni. Io sono del parere che debba essere lo Stato a fissare i limiti dei Pfas e stabilire le sanzioni alle imprese che causano l'inquinamento, usando le stesse per permettere alle Regioni di fare le dovute bonifiche. Saluti.
2017-09-26 10:56:10
Ora le bollette dell'acqua AcegasApsAmga devono segnalare la percentuale dei Pfas nella nostra acqua (potabile ?)
2017-09-26 10:47:43
Ora con i pfas tagliati, ci si sente meglio… 20 anni e più di incuria, acque avvkentate… poi improvvisamente la luce… Sappiamo che non è possibile fare di più di una legge migliore in tutta Europa… I fondi per arginare e sanare il disastro, purtroppo servono in maniera cospiqua per campagne elettorali, ce ne faremo una ragione…
2017-09-26 09:33:59
L'ennesima cortina fumogena messa in atto dal signor zaia... creare una bella psicosi di massa e poi stabilire dei limiti non supportati da solide basi scientifiche, al solo scopo di apparire come il salvatore della patria (?) o l'ennesimo ometto della provvidenza... e il popolino a sdilinquirsi.