Pasolini, a 40 anni dalla morte
una mostra e una maratona tv

Sabato 21 Novembre 2015 di Michela Greco
Pasolini, a 40 anni dalla morte una mostra e una maratona tv
15

La camicia e gli altri abiti che indossava, il suo tesserino da giornalista, il libro di Nietszche che stava leggendo e gli oggetti sparsi nella sua auto. Ciò che restava delle spoglie materiali di Pier Paolo Pasolini, assassinato esattamente 40 anni fa, la notte del 2 novembre 1975, è protagonista in questi giorni della mostra che espone i reperti trovati sul luogo del delitto.

Gli omaggi a quello che è diventato un vero e proprio profeta del nostro complicato presente vanno da Roma a Bologna, dal Veneto al Piemonte, e anche all’estero; nel Nordest è soprattutto il Pordenonese ad esserci mobilitato: dopo la serata di sabato al Verdi dedicata alla musicalità dei versi di Pasolini, con Piera degli Esposti, da oggi Cinemazero propone la versione restaurata (presentata alla Mostra di Venezia) di "Salò o le 120 giornate di Sodoma" con "L’intervista sotto l’albero" di Gideon Bachmann, mentre al Verdi alle 20.45 la Filarmonica di Torino diretta da Tito Ceccherini propone "Omaggio a Pier Paolo Pasolini" con la prima esecuzione assoluta di "...tra la Carne e il Cielo" di Azio Corghi, solisti Maurizio Baglini, SIlvia Chiesa e Valentina Coladonato, con letture di Omero Antonutti.

A Udine il Teatro Nuovo a partire dalle 17 ricorda il regista con un percorso fra immagini, conversazioni e rappresentazioni sceniche ispirate al film "Il Vangelo Secondo Matteo", con l’inaugurazione di una mostra; alle 18.45 (con replica alle 20,45, entrambe con ingresso libero) andrà in scena "Per una Rosa", tableaux vivants su “La Ricotta” a cura della compagnia Teatri 35. Anche al Visionario oggi e domani proiezione di "Salò".

Al Goldoni di Venezia alle 20.30 va in scena il ricordo scenico con immagini, citazioni e testimonianze di Enrico Ricciardi (con Barbara Poli e Roberto Milani), mentre a Mestre il Centro Candiani propone a partire domani alle 18 con "In memoriam. Pier Paolo Pasolini l’avventura esistenziale e artistica del poeta corsaro", un articolato ciclo di incontri, spettacoli e proiezioni.

A Treviso è la Libreria San Leonardo a proporre oggi delle letture di poesie, mentre a Castelfranco inizia un tributo organizzato dal Liceo Giorgione sul suo linguaggio e i suoi temi.

Numerose anche le iniziative a Padova: al Porto Astra dalle 21 di oggi serata con i corti e i mediometraggi del regista, a seguire da mercoledì "Il Decameron", "I racconti di Canterbury" e "Il fiore delle mille e una notte". Alle 21 di oggi a Cadoneghe, Auditorium Ramin, spettacolo (a ingresso gratuito) "Io abiuro", con la voce di Loris Contarini e le musiche di Maurizio Camardi, Rachele Colombo e Quartetto d'archi Klee.

L'eredità culturale che lo scrittore ha lasciato in termini di letteratura, cinema, poesia, giornalismo, e l'enorme influenza che la sua analisi politica e sociale ha avuto sulla vita intellettuale del nostro paese, invece, non hanno mai smesso di risuonare, giorno dopo giorno. E così le celebrazioni per il quarantennale dalla morte di PPP diventano soprattutto l'occasione di una riscoperta, come accade grazie alla proposta nelle sale e in dvd, da oggi, della versione restaurata di Salò o le 120 giornate di Sodoma, scioccante film sulla violenza del potere che il regista concluse poco prima di morire.

La rievocazione dell'intellettuale passerà anche attraverso il piccolo schermo, con il programma di Rai Cultura Il tempo e la storia - in onda oggi alle 13.10 su Rai Tre e alle 20.50 su Rai Storia - che analizza lo sguardo che Pasolini ha posato su 30 anni di storia italiana, dal Dopoguerra alla prima metà degli anni 70, mentre Sky gli dedica una programmazione speciale (in onda oggi in prima serata su Sky Arte HD e Sky Cinema Cult HD) che propone in prima visione il documentario Pier Paolo Pasolini - Maestro e Corsaro e il film Pasolini di Abel Ferrara presentato alla Mostra di Venezia 2014, in cui è Willem Dafoe a interpretare lo scrittore. Al Teatro Palladium di Roma Pasolini sarà invece "visto dalla luna", ovvero raccontato dagli sguardi stranieri di registi francesi, tedeschi e anglosassoni selezionati dal Festival Arcipelago, in programma dal 4 al 10 novembre, mentre anche alla radio la Rai dedicherà la giornata di oggi al ricordo dell'intellettuale punteggiando il palinsesto di Radio 1 con stralci di poesie lette dalla sua stessa voce e con lo Speciale in sei puntate di Radio6 Teca - in onda da oggi per due settimane - su come l'etere ha raccontato Pasolini nelle sue varie vesti. Infine, per vedere al cinema La macchinazione, ovvero il film di David Grieco sulla morte di PPP che ha per protagonista Massimo Ranieri, bisognerà aspettare febbraio, quando avrà una probabile ribalta internazionale.

Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 09:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci