Fondi neri nei paradisi fiscali, 20 imprenditori veneti nei guai. Trovate anche le tracce del "tesoro" di Galan

PER APPROFONDIRE: croazia, giancarlo galan, mose, tangenti
Giancarlo Galan insieme a Mazzacurati
I finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria di Venezia hanno eseguito un provvedimento del Gip   di Venezia con cui è stato disposto il sequestro di 12.335.378 euro, profitto dei reati di riciclaggio internazionale e di esercizio abusivo dell’attività finanziaria commessi, a vario titolo, da 6 indagati.  Almeno un milione e mezzo di euro sarebbe riconducibile all'ex Doge veneto Giancarlo Galan.

Il provvedimento riguarda infatti anche le indagini di polizia giudiziaria sul reinvestimento all’estero dei proventi della corruzione realizzata da Giancarlo Galan nell’ambito della costruzione del Mose.

I NOMI DEGLI INDAGATI

Gli indagati veneti del nuovo filone sono: Alessandra Farina, 61enne di Padova (moglie del commercialista Paolo Venuti), Christian Penso, 51 anni di Padova, Guido Penso, 77 anni di Conegliano ma residente a Padova e lo stesso Paolo Venuti, 62 anni, noto commercialista di Padova.

Gli accertamenti e le indagini tecniche hanno consentito di accertare che tra il 2008 ed il 2015 due commercialisti padovani - fra i quali Venuti - avevano garantito, tramite il loro studio professionale, l’intestazione a fiduciari di quote di capitali dei 20 imprenditori in questione. Una società, in particolare, con sede a Venezia, risultata essere di fatto riconducibile a Galan, avrebbe "nascosto" un milione e mezzo di euro (la cifra per la quale l'ex governatore è stato  condannato) a Zagabria su un conto di Veneto Banka intestato alla moglie di Venuti.

I  professionisti padovani  avevano messo a disposizione conti correnti in territorio elvetico, intestati a società di Panama e delle Bahamas e gestiti da due fiduciari svizzeri

Le ulteriori investigazioni e l’esecuzione di una rogatoria in Svizzera hanno permesso di accertare che il ricorso all’interposizione di società in paesi off-shore era stato utilizzato dai professionisti esteri su larga scala e in maniera professionale per consentire a numerosi imprenditori veneti di riciclare ingenti somme proventi dell’evasione fiscale realizzata nel tempo

Compaiono nel registro delle indagini i due colleghi di studio di Venuti, Christian e Guido Penso. Gli altri due indagati sono i professionisti svizzeri che avrebbero avuto il compito di tentare di occultare il denaro, Filippo San Martino e Bruno De Boccard. Nel corso della perquisizione presso gli uffici di una società fiduciaria elvetica, è stata sequestrata una lista - scritta su un taccuino - contenente i nomi di numerose società italiane che avevano affidato la gestione dei capitali derivanti con ogni probabilità dal “nero” ai professionisti svizzeri, i quali – pur non avendo i requisiti per l’esercizio dell’attività finanziaria in Italia – li avevano raccolti e fatti transitare su conti esteri intestati a società olandesi, svizzere, romene e ancora di Panama, Curacao e delle Bahamas, una delle quali aperta tramite lo studio Mossak & Fonseca, emerso nell’ambito dei c.d. “Panama Papers”.

Successivamente le somme sono rientrate nella disponibilità degli imprenditori italiani che le hanno utilizzate per effettuare investimenti anche di natura immobiliare in appartamenti di lusso a Dubai e in fabbricati industriali in Veneto.  I sequestri  riguardano disponibilità finanziarie detenute presso banche venete, 2 imprese e quote di società e 14 immobili in Veneto e Sardegna. 

La ricostruzione dei flussi di denaro legati al Mose e riconducibili a Giancarlo Galan, secondo fonti della Procura  di Venezia, è quindi partita dallo studio del commercialista padovano Paolo Venuti, uomo di fiducia dell'ex governatore veneto e ministro. Venuti era finito nella rete delle 35 persone arrestate nel 2014 dalla Guardia di finanza per le tangenti sul Mose. Finito in carcere, ne era uscito riconoscendo di essere stato il prestanome di Galan per quanto riguardava il denaro probabile frutto di tangenti. Gli altri cinque indagati, sempre secondo la Procura lagunare, rientrano nella cerchia dello studio del professionista e delle loro conoscenze.

Tutti i particolari sul Gazzettino del 12 Aprile
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Aprile 2019, 12:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fondi neri nei paradisi fiscali, 20 imprenditori veneti nei guai. Trovate anche le tracce del "tesoro" di Galan
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 87 commenti presenti
2019-04-12 20:38:24
i mille euro che ho rubato al nonno son briciole rispetto a quelli che hanno rubato Galan Chisso Zonin Consli ecc. Quindi sono autorizzato e giustificato a farlo....col beneplacito del vegliardo binome....
2019-04-12 18:10:26
Vi raccomando. Non fateci conoscere i nomi degli imprenditori veneti. Non sia mai che caschi il palco.
2019-04-12 18:04:17
adesso scopre la pentola del compare di merende e il gioco è fatto. Siamo al capolinea compare....
2019-04-12 16:16:17
Dice che non sono soldi soui. E'vero. Sono NOSTRI, rubo'a Noi.
2019-04-12 15:34:31
Alessandro Buia "D'altronde, Galan è un tipico cognome del Sud Italia" prima di parlare informarsi. il cognome Galan e' scarso , solo 43 famiglie di cui 14 in emilia-Romagna,10 Veneto,9 Lombardia,, 4 Lazio, il rimanente sparso nelle altre Regioni