Marito e moglie si lanciano dalla parete, ma il paracadute di lei non si apre: muore a 30 anni

Marito e moglie si lanciano dalla parete ma il paracadute di lei non si apre: muore a 30 anni
Una base jumper di 30 anni, Josefin Elin Sando, di nazionalità svedese è morta oggi 15 agosto a Riva del Garda, in provincia di Trento: secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, il suo paracadute non si sarebbe aperto. La donna era giunta nella località turistica sulla sponda nord del Lago di Garda, versante Trentino, per alcuni lanci da effettuare insieme al marito dalle pareti rocciose che si affacciano sul Lago. Il paracadute dell'uomo si sarebbe regolarmente aperto, mentre quello della giovane donna avrebbe avuto dei problemi, provocando l'impatto contro le rocce, e poi a terra, e la morte della trentenne svedese.

 




La tragedia è accaduta alle prime luci del giorno di Ferragosto sulle montagne del Trentino dove una base jumper è morta dopo aver impattato violentemente contro la roccia. L'incidente si è verificato attorno alle 7 sul monte Brento, patria dei base jumper che sovrasta gli abitati di Pietramurata e Dro nella zona di Arco., in provincia di Trento.



La giovane donna avrebbe sbattuto contro le rocce e poi sarebbe precipitata per circa 200 metri. Il corpo senza vita è stato poi recuperato dagli uomini del soccorso alpino di Riva del Garda.



Josefin Elin Sando, 30 anni, svedese originaria della contea di Stoccolma, era impiegata all'Accademia delle scienze ingegneristiche (Kungliga Ingenjoersvetenskapsakademien - Iva), la più antica accademia di scienze ingegneristiche del mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 15 Agosto 2019, 16:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Marito e moglie si lanciano dalla parete, ma il paracadute di lei non si apre: muore a 30 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 32 commenti presenti
2019-08-16 15:31:00
Alternativa...invece di lasciare tutto come sta, inventare qualche dispositivo che evita l'ingarbugliamento e mancata apertura del paracadute.In campo arrampicata,si sono inventati freni di caduta ,discensori ed ascensori..corde sempre migliori...purtroppo capita ancora qualcosa ,specie se cadendo non si penzola nel vuoto ma si va a sbattere contro roccette.
2019-08-16 13:08:39
Se uno accetta il rischio, puo' fare lo sport che vuole. Rip Bella ragazza...
2019-08-16 12:55:38
Meglio un giorno da leoni che cento anni da pecora. Questo scrivevano per i valorosi del fronte. Ma andreotti che filosofia di vita aveva?
2019-08-16 12:47:55
... è vero le emozioni vanno vissute.. ma bisogna almeno avvisarle...
2019-08-16 09:45:26
fa parte anche questo sport dell'eutanasia controllata?? almeno questo è legale e non serve andare in svizzera!