Legittima difesa, Zaia: «Legge flop, i banditi ora sanno quando colpire»

PER APPROFONDIRE: critica, ddl, legge, legittima difesa, luca zaia
Legittima difesa, Zaia: «Legge flop,
i banditi ora sanno quando colpire»
VENEZIA - Suscita polemiche, e non poche, il ddl sulla legittima difesa che ha ottenuto oggi il primo via libera alla Camera. Tra i punti di vista critici c'è quello del presidente della Regione Veneto Luca Zaia: per il governatore la legge è figlia di compromessi che non tutelano l'incolumità dei cittadini ma anzi, in un certo qual modo indicano ai criminali quali siano le "ore migliori" per colpire. Una posizione del tutto in linea con quella espressa ieri dalla Lega Nord che giudicava questo intervento troppo lieve e chiedeva la non punibilità di chi, rapinato in casa propria o vittima di un crimine violento, avesse reagito nei confronti del criminale causandone la morte. Il voto ora passa al Senato.

IL VOTO
La Camera ha approvato la legge con 225 Sì, 166 No e 11 astenuti. A favore: Pd, Ap, Civici e innovatori. Contrari: M5S, Forza Italia, Lega Nord, Sinistra italiana e Fratelli d'Italia. Astenuti: Centro democratico e Psi.

IL SONDAGGIO Ok della Camera al Ddl legittima difesa: difendersi sì, ma solo di notte. Siete d'accordo?


ZAIA: ORA IL CRIMINALE PUO' SCEGLIERE QUANDO COLPIRE
«E’ stata partorita una pessima legge, che è in linea con il profilo di questa maggioranza: tutto quel che approva è frutto di mediazioni estenuanti che sfociano in contraddizioni stridenti, come la legittima difesa a ore. Alla gente esasperata e impaurita hanno detto: di notte difenditi, ma di giorno lasciati rapinare. Invece, o la legittima difesa è sempre o non lo è mai. Mettendomi per la prima e ultima volta nei panni dell’aggressore – incalza il Governatore – non potrei che gioire: scelgo io il momento migliore per delinquere con il minor rischio possibile. Inconcepibile, ma purtroppo reale, e in linea con l’atteggiamento del Governo e della maggioranza, mai capaci di decidere per vera convinzione. Anche in questo caso: il popolo preme? Diamogli un biscottino facendogli credere che stiamo dalla sua parte. E invece no, non è così che si combatte la criminalità. La si combatte con leggi dure, pene certe e scontate fino all’ultimo minuto, uomini e mezzi alle forze dell’ordine, legittima difesa senza se e senza ma, non con il cronometro in mano per decidere chi è l’aggressore e chi l’aggredito». Una critica che porta Zaia a ricordare, neanche tanto tra le righem l'appuntamento referendario del 22 ottobre, e a immaginare un Veneto di gran lunga più indipendente dallo Stato Centrale, una Regione in grado di legiferare in autonomia anche su quello che riguarda la pubblica sicurezza: «Di fronte a leggi come queste viene voglia di esagerare e di pensare a un’Autonomia che possa assegnare alle Regioni anche competenze di ordine pubblico. Se potessimo, quando potremo, in Veneto sapremmo, sapremo, fare molto di più e meglio».

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 4 Maggio 2017, 13:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Legittima difesa, Zaia: «Legge flop, i banditi ora sanno quando colpire»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 70 commenti presenti
2017-05-05 18:12:11
cari legaiuoli di destra non scordatevi che per anni siete stati al governo ma di leggi, che ora tanto criticate, nemmeno l'ombra. Vergognatevi, siete solo stati capaci di chiudere entrambi gli occhi sul " lavoro " di silvio e sui lavori di umberto &. famiglia...hahahahahahaahahahahaahahahahahahaahahahahahaahahahaha....ridicoli......ciao..ciao enrico.
2017-05-05 16:30:33
La tecnologia si e' gia' portata oltre, inventando i fucili a pompa che sparano proiettili a salve ma con lampo di luce accecante e botto assordante ( flash -bang), poi si carica e si dispone di cartuccia a pallettoni di gomma ( otto o unico)che fanno male, potrebbero anche uccidere ma preterintenzionalmente. Se poi gli intrusi non desistono allora si passa a proiettili veri.Importante una legge chiara e semplice che non metta chi si difende in dubbi amletici ed intanto si ritrovano crivellati.
2017-05-05 15:45:18
Adesso però dovrebbero fare una legge che proibisca ai malviventi di fare furti di giorno ma solo di notte.
2017-05-05 14:25:17
l'allucinante è che chi fa queste porcate di leggi, è pagato, anzi strapagato!!!!
2017-05-05 11:48:13
Evidentemente i tabaccai massacrati di giorno non hanno insegnato nulla a costoro. A questo punto è quasi da augurarsi che la legge non passi al Senato