Derubano gli anziani in casa: li riconoscete? Chiamate i carabinieri

Derubano gli anziani in casa: li riconoscete? Chiamate i carabinieri

di Paola Treppo

LATISANA e CASTELFRANCO VENETO - Li riconoscete? Siete stati derubati? Chiamate i carabinieri. Sono ladri e possono aver commesso altri furti fra Friuli e Veneto.

I fatti
Il 15 novembre scorso, i carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia di Latisana hanno concluso un’attività d’indagine avviata lo scorso mese di agosto, finalizzata a contrastare il fenomeno dei reati contro il patrimonio.  

Le misure cautelari
L’operazione, che ha consentito di smantellare un sodalizio criminale dedito alla commissione di furti in abitazione, si è conclusa con l’arresto di 3 pregiudicati, due uomini e una donna, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip presso il Tribunale di Udine, Daniele Faleschini Barnaba, su richiesta del Pm Giorgio Milillo, titolare delle indagini. Richiesta formulata sulla base degli elementi investigativi raccolti dai varabinieri del Norm di Latisana nel corso delle indagini.

Rubavano agli anziani
I malviventi sono ritenuti responsabili dei furti in abitazione commessi il 5 agosto scorso rispettivamente, a Latisana, ai danni di un 85enne del luogo e, a Precenicco, ai danni di un 90enne del luogo, e del furto commesso il l'8 ago 2017 a San Giorgio di Nogaro, ai danni di una 36enne del luogo.

Frugavano in ogni dove
In particolare, in occasione dei furti commessi a Latisana e Precenicco, i criminali, che si sono trovati gli anziani in casa, hanno consapevolmente approfittato della particolare vulnerabilità emotiva e psicologica delle vittime di età avanzata, per introdursi furtivamente nelle loro abitazioni e frugare in ogni dove.

I carabinieri della Compagnia di Latisana, comandati dal maggiore Filippo Sautto, coadiuvati dai militari del Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia di Castelfranco Veneto, mercoledì scorso, hanno eseguito le ordinanza nei confronti di tutti e tre i componenti del sodalizio, domiciliati nella città del Giorgione, dove l’organizzazione aveva costituito la propria base.    

Gli arrestati Laki Grisetti 33enne, residente a Castelfranco Veneto e Arios Grisetti, 31enne, residente in provincia di Rovigo, di fatto senza fissa dimora, sono ora nel carcere di Treviso, mentre Chiara Colombo, 30enne, residente a Venezia, di fatto domiciliata a Castelfranco Veneto, è stata portata nella casa di reclusione femminile Giudecca della Serenissima.

Si precisa che la divulgazione delle fotografie degli indagati viene effettuata al solo scopo di agevolare ulteriori indagini per far luce su altri furti commessi con modalità analoghe.  

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 17 Novembre 2017, 12:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Derubano gli anziani in casa: li riconoscete? Chiamate i carabinieri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2017-11-18 15:54:18
quello che fa star male è che gli articoli giornalistici e i commenti T.V. su accadimenti delinquenziali periodici ormai comuni, non arrivino agli addetti ai lavori in parlamento per un intervento legislativo con tolleranza zero. Abbiamo solo parlamentari attori mandiamoli via al più presto e non perdiamo la speranza altrimenti è finita per questa Italia assediata.
2017-11-18 09:58:38
Vento dell'est......
2017-11-18 08:28:41
Qualcosa mi dice che sono romeni , o albanesi, o moldavi o rom. Fate voi.
2017-11-18 16:24:54
Dalle facce sembrano veneti, mah...ciao enricoco.
2017-11-18 07:06:00
A quanto vedo i cognomi sono italianissimi per cui lascerei perdere la solita tiritera immigrati/rom/sinistra. A volte con certi paraocchi ideologici non si vede quello che ci accade sotto casa. Che pubblichino le foto di tutti i delinquenti, compresi quelli Venetissimi che ci hanno imbrogliato, con le banche, in giacca e cravatta e sorrisoni. Sia chiaro che non difendo questi tre che per quello che hanno fatto a persone indifese meritano ben altro che le blande carceri italiane ma mi dico stiamo attenti a cadere negli stereotipi perché poi sono i "nostri" figli ad ucciderci per un videogioco o i "nostri" fidanzati a commettere femminicidi.