Pass verde, Coldiretti: «Salverà le vacanze in Veneto». Nel 2020 -18,6% di presenze in regione

Giovedì 22 Aprile 2021
Carta verde, Coldiretti: «Salverà le vacanze in Veneto». Nel 2020 -18,6% di presenze in Regione

La Carta verde (o Green Pass) salverà tra giugno ed agosto le vacanze di oltre 2milioni di turisti italiani pari a più di 10milioni di presenze su territorio regionale. A sostenerlo è Coldiretti Veneto in base ai dati dell'Osservatorio Turistico della Regione relativamente all'ipotesi del DL Covid che prevede dal primo giugno della Carta Verde per consentire spostamenti tra regioni di diverso colore. 

Certificato verde, valido sei mesi per spostarsi tra regioni e viaggiare in Europa: carcere per chi lo falsifica

Lo scorso anno - sottolinea la Coldiretti - per effetto dell'emergenza sanitaria le persone partite per una vacanza sono state 18,5 milioni (-18,6% rispetto al 2019) con ben 62,3 milioni in meno di notti trascorse in vacanza a causa del forte decremento delle vacanze lunghe. La presenza degli italiani in vacanza lungo la Penisola ha reso meno dolorosa l'assenza degli stranieri con ben 23,3 milioni di viaggiatori dall'estero che la scorsa estate hanno dovuto rinunciare a venire in Italia per effetto delle limitazioni agli spostamenti e per le preoccupazioni sulla diffusione del contagio, secondo l'analisi Coldiretti su dati Bankitalia.

Zaia: «Nuovo decreto, incongruenti alcune misure del governo». Turismo: «Rivedere le quarantene». Scuola: «Il Veneto regge il 60%» Video

Si tratta un vuoto pesante nel periodo da giugno a settembre che purtroppo non è stato compensato dalla svolta vacanziera patriottica degli italiani. L'assenza di stranieri in vacanza in Italia grava sull'ospitalità turistica nelle mete più gettonate che risentono notevolmente della loro mancanza anche perché - continua la Coldiretti - i visitatori da paesi europei hanno tradizionalmente una elevata capacità di spesa. È importante che con l'avanzare della campagna di vaccinazione e l'apertura delle frontiere si proceda anche alla ripartenza delle attività di ristorazione a pranzo e cena, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza. Il cibo infatti - conclude la Coldiretti - è diventato la voce principale del budget delle famiglie in vacanza in Italia con circa un terzo della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche.

Estate 2021, come andremo in spiaggia? Lettini (a 1,5 metri), mascherine, febbre, sport: tutte le regole

Ultimo aggiornamento: 23 Aprile, 10:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA