Giovedì 14 Giugno 2018, 08:57

Nuovo governo, i conti nella Lega. ​Ai veneti arrivati solo quattro posti

Nuovo governo, i conti nella Lega  Ai veneti arrivati solo quattro posti

di Angela Pederiva

Fra i dieci componenti della pattuglia nordestina nel governo giallo-verde, ci sono cinque veneti, un veneto-argentino, due veneti-trentini, una friulana e un giuliano. Sei sono della Lega, uno è il leader del Movimento associativo italiani all'estero, tre sono dei Cinquestelle.

LEGGI ANCHE Governo, nominati sei viceministri e 39 sottosegretari. Al Tesoro Castelli e Garavaglia. Crimi all'Editoria

Incrociando provenienza geografica e appartenenza politica, risulta quindi che i leghisti del Veneto sono in tutto quattro, cioè meno della metà dei leghisti della Lombardia, che sono invece nove: una differenza vistosa nel pallottoliere dell'eterna sfida padana fra Liga Veneta e Lega Lombarda, anche per il diverso peso di gradi e deleghe che sono stati conferiti.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nuovo governo, i conti nella Lega. ​Ai veneti arrivati solo quattro posti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-06-21 16:37:05
Siamo sempre i soliti creduloni. Ci sta bene, e non è finita. Mai avrei pensato di rimpiangere la DC.
2018-06-14 22:07:45
In realtà con Salvini la lega dovrebbe chiamarsi MSI
2018-06-21 16:43:07
Mi dispiace, magari Salvini avesse lo spessore di Almirante. E' solo assettato di potere a lo otterrà a furor di popolo perché sa su cosa fare leva. Intanto abbiamo scoperto che in Italia la mafia, la corruzione, la legalità, la mancanza di mezzi dei corpi di polizia (affari del ministro degli interni) non sono più un problema e che il nostro benessere è vincolato al problema dei Rom e degli immigrati. Bene allora sono tranquillo, ma forse sto solo sognando. Mi sveglierò? Meglio di no!
2018-06-14 20:10:28
Veneto in primis con gli immigrati inviati da salvini
2018-06-14 15:08:40
Ci basta la Stefani come ministro per l'autonomia delle regioni, Veneto in primis.