Giostrai rapinatori: tutti liberi per un errore. E per la seconda volta

Sabato 1 Aprile 2017 di Denis Barea
41
TREVISO - Tornano in libertà per la seconda volta e ancora per un vizio procedurale le diciotto persone arrestate all'inizio di settembre dello scorso anno con l'accusa di esser i protagonisti di trentacinque colpi a sportelli bancomat e casse in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Lombardia. I fatti di ieri sono solo l'ultima puntata di una vicenda complessa. 

I componenti del gruppo di giostrai, accusati di associazione a delinquere finalizzata alla consumazione di furti e rapine, riciclaggio, ricettazione e detenzione di armi da fuoco, erano finiti in manette a gennaio in seguito a una ordinanza del giudice di Treviso Umberto Donà dopo che un uguale provvedimento, chiesto e applicato a settembre 2016, era stato revocato dal Tribunale del Riesame per la mancata specificazione delle esigenze cautelari per ogni singolo imputato. A inizio 2017 quindi, lo stesso giudice Donà emette una nuova ordinanza, correggendo la formulazione delle esigenze cautelari in carcere. Ed è su questo punto che è nuovamente intervenuto il Tribunale del Riesame di Venezia rilevando che, trattandosi di un provvedimento diverso dal primo, si sarebbe dovuto tenere obbligatoriamente un interrogatorio di garanzia, che però non è stato svolto...
  © RIPRODUZIONE RISERVATA