Donazzan: «La sua purezza ha vinto contro il delirio ideologico». Fontana: «Tradizioni difese»

PER APPROFONDIRE: canzone, elena donazzan, gesù, natale, scuola
Donazzan: «La sua purezza ha vinto contro il delirio ideologico». Fontana: «Tradizioni difese»
Le reazioni al caso della bambina veneta che ha raccolto le firme tra i compagni di classe per poter continuare a cantare la canzoncina di Natale con il nome di Gesù che le maestre volevano omettere per rispetto dei bambini non cattolici ha raccolto l'approvazione di molti politici, compreso il ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana.

L'ASSESSORE REGIONALE DONAZZAN
«Che bella notizia apprendere che una bambina di 10 anni è riuscita da sola a vincere contro chi avrebbe voluto privarla del Natale. La sua purezza ha vinto contro il delirio ideologico di chi nella scuola non vorrebbe più neppure sentire il nome Gesù in una canzone natalizia». L'assessore regionale all'istruzione, Elena Donazzan, commenta così la notizia. «Mi chiedo sempre - aggiunge - quale terribile infanzia abbiano avuto coloro che, nati e cresciuti qui in Veneto o in Italia, non ricordino l'emozione provata da giovani nel fare il presepe in famiglia. In tal senso sono commossa anche per il gesto compiuto dal consigliere regionale Michieletto che ha voluto donare un presepe alla scuola di Favaro, nel veneziano, affermando che anche i bimbi di quella scuola avessero il diritto di festeggiare il Santo Natale e, aggiungo io, non fossero costretti a rinunciarci per un delirio laicista». «Il successo ottenuto dal bando promosso dalla Regione del Veneto a favore dei presepi nelle scuole (più di 500 domande a fronte delle 184 finanziabili) - conclude l'assessore Donazzan - ci dimostra che le scuole che non negano il Natale sono la stragrande maggioranza».

IL MINISTRO PER LA FAMIGLIA
«Bravissima! Da questa bimba, e dai suoi compagni, un grande gesto a difesa delle nostre tradizioni #vivailNatale». Così su Twitter il Ministro per la Famiglia e le Disabilità, Lorenzo Fontana, commenta la storia dell'alunna della Riviera del Brenta che con una petizione ha ottenuto il reinserimento della parola Gesù nella canzone della recita natalizia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 30 Novembre 2018, 17:44






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Donazzan: «La sua purezza ha vinto contro il delirio ideologico». Fontana: «Tradizioni difese»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-12-03 17:32:01
Se non ricordo male la Donazan diceva che sua nonna contava i piccioni in tedesco, chissà a quale tradizione si riferisce, quella Austriaca? comunque rimango dell'opinione che Natale dovrebbe essere tutti i santi giorni e ricordare che quel Gesù era un bel Palestinese e la Mamma ebrea, e non trovavano asilo umanitario.
2018-12-03 10:07:11
L'assessore Donazzan sa che in molte scuole il Presepio, il Natale e Gesù sono vietati!!!???
2018-12-01 19:38:40
" Tradizioni offese"...Ah... sì...certo, "caccia e poenta e osei", anca queste sono tradizioni da rispettare e mantenere?. Anche le tradizioni prima o poi decadono o facciamo come quei abitanti delle sperdute isole del mar Baltico( non ricordo bene il nome) dove da anni si macellano centinaia e centinaia di piccoli balenotteri o brachicefali per tradizione, solo perchè i loro avi lo facevano un tempo per mangiare?. - Sono tradizioni, dicono a chi li contesta.
2018-12-01 15:34:51
A Donazzan bisogna che a se fassa sentire...
2018-12-01 11:48:06
Per fortuna ai bimbi, a diffrenza dei vecchiardi, piacciono le favole!