Ladro evaso, la fuga è durata poche ore. Ma ora è in Serbia

Colpo a Palazzo Ducale, il bandito in Serbia: estradarlo sarà difficile
VENEZIA - Emergono nuovi particolari sugli arresti della banda di Palazzo Ducale. È durata poche ore la fuga di Dragan Mladenovic, 54 anni, serbo, quinto componente della banda guidata dal "re dei furti di diamanti" che il 3 gennaio scorso riuscì a rubare i gioielli  della collezione dell'emiro del Qatar, Al Thani. E' stato arrestato giovedì scorso, 8 novembre, alla frontiera tra la Croazia e la Serbia, grazie alle informazioni fornite dalla polizia veneziana, che dopo il furto aveva condotto indagini serrate. L'uomo era riuscito a fuggire dall'ufficio croato della polizia di frontiera dove si trovava per un interrogatorio ed  è poi stato fermato in Serbia, suo Paese natale, nel quale spera di avere un trattamento più morbido e con un'estradizione più difficile.

In carcere in Croazia resta invece il capo della banda, il leggendario Vinko Tomic, croato, 65 anni, la "mente" di furti di diamanti  e preziosi in mezzo mondo, e altri tre componenti del commando criminale autore dello storico colpo in Palazzo Ducale. Mancava, appunto, il Mladenovic e manca soprattutto l'ultimo complice, il sesto, che avrebbe in mano la refurtiva e che sarebbe anche lui, in queste ore, attivamente ricercato in Serbia.

 Secondo il sito della polizia locale di Vukovar, nell'est della Croazia, il 54enne è stato arrestato ad un valico di confine poco dopo la fuga dalla questura croata. Tra gli arrestati per il furto, la stampa serba fa il nome di Goran Perovic. Gli inquirenti sospettano che, qualora i gioielli non siano stati già venduti sul mercato nero, potrebbero essere in possesso proprio di Mladenovic.

Tutti i particolari sul Gazzettino del 15 novembre.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Novembre 2018, 17:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ladro evaso, la fuga è durata poche ore. Ma ora è in Serbia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-11-15 15:23:50
L'articolista si dimentica che due anni fa a Belgrado il nostro ministro Orlando ha firmato un accordo per l'estradizione.
2018-11-15 16:59:02
bisogna vedere cosa dice l'accordo... Ho trovato menzione dell'accordo (firmato il 9/02.2017) sul sito dell'ambasciata italiana a belgrado, ma non ve ne e' traccia sul sito del ministero della giustizia (settore atti internazionali), che risulta "aggiornato al 25 settembre" 2017... stai a vedere che se lo sono dimenticato?
2018-11-15 13:37:08
a quolcosa servono ancora i confini ...
2018-11-15 11:55:51
Ma siamo derisi dal mondo intero!!!
2018-11-15 10:30:31
Poverino... e' davvero scarso!