Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Franco Trinca, morto il biologo No vax sostenitore delle terapie domiciliari: «Ha rifiutato di essere intubato»

Era noto per le sue idee critiche sulla campagna vaccinale e strenuo sostenitore delle dell’idrossiclorochina e dei farmaci con vitamina C per curare i malati

Sabato 5 Febbraio 2022
Franco Trinca, morto di Covid il biologo No vax che ha rifiutato di essere intubato: sosteneva le terapie domiciliari
10

Era stato spesso ospite di diverse trasmissioni televisive, come punto di riferimento delle cure domiciliari contro il Covid. Ma ieri è morto all'ospedale di Città di Castello, in Umbria. Il biologo Franco Trinca era tra i coordinatori del Movimento «Uniti per la libera scelta» composto da varie associazioni No vax. Ricoverato in ospedale da diverso tempo, era affetto da una polmonite bilaterale che è stata fatale. Era noto per le sue idee critiche sulla campagna vaccinale anti-Covid e strenuo sostenitore delle dell’idrossiclorochina e dei farmaci con vitamina C per curare i malati Covid. Una posizione che lo aveva portato ad avere un’animata discussione in tv con Selvaggia Lucarelli che nei giorni scorsi ha comunque postato un messaggio nel quale augurava al medico di guarire al più presto. Trinca è morto a 70 anni all’ospedale di Perugia dov’era ricoverato da circa due settimane a causa di una polmonite bilaterale causata dal SarsCov2. «Sentito e intimo cordoglio» è stato espresso dal Fronte del dissenso Umbria che in un messaggio inviato alla stampa ha definito il medico, che gestiva il Centro di educazione al dimagrimento di Corciano, «amico e instancabile combattente per la libertà».

Roberto Petrella arrestato: il medico No vax di Teramo ha consigliato cure alternative con funghi a un paziente, poi morto

Trinca, il biologo No vax morto di Covid

Spesso ospite di trasmissioni televisive come Dritto e rovescio e Piazza pulita, aveva più volte spiegato le sue convinzioni sul Covid. Un virus che erroneamente, secondo lui, si cura a domicilio con farmaci quali l’idrossiclorochina e con vitamina C e flavonoidi. Il 69enne aveva detto di non essere vaccinato e di aver curato una famiglia di Mestre somministrando minerali, vitamine (tutto il complesso della B, C, D e della A), flavonoidi come la quercetina, e l’idrossiclorochina o il cortisone, tutti farmaci la cui efficacia contro il Covid è stata ripetutamente smentita da approfonditi studi.

Forlì, no vax muore a 38 anni: ha provato a curarsi a casa con le terapie fai da te

A dare la notizia della scomparsa di Trinca è stato l'avvocato Alessandro Fusillo:  «Il 4 febbraio 2022, ci ha lasciati per sempre Franco Trinca. Una perdita incalcolabile di un grande uomo, un ricercatore infaticabile, un amico, un fratello. Non conoscevo Franco Trinca da molto, da poco più di un anno, ma abbiamo trovato subito un’assonanza istintiva: con Franco bastava uno sguardo per capirsi. La triste stagione che stiamo vivendo ha avuto anche questo effetto. Sono moltissime le cose che ho imparato da Franco e gliene sarò grato per sempre. Per lui la scienza era, come dovrebbe essere, una ricerca continua, la necessità di leggere, di studiare, di approfondire, di non dare niente per scontato. Tutti conoscono le battaglie che abbiamo combattuto insieme e che sento il dovere morale di condurre a termine, anche per raccogliere il testimone che idealmente mi ha passato».

 

Ultimo aggiornamento: 6 Febbraio, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci