Veterani, rinviata la festa per l'Atleta dell'anno

Lunedì 5 Ottobre 2020 di Redazione online
Martinello

VENEZIA - Lo sport italiano si dibatte fra mille difficoltà e polemiche per una ripresa post-Covid sempre più problematica e i Veterani dello Sport (Unvs) del Veneto serrano le fila, guardano al futuro  ma sono costretti a rinviare la consegna dei premi sportivi 2020. La festa del Veterano sportivo era infatti in programma il 26 ottobre prossimo nella sala convegni del Centro Servizi  di Villa Fiorita di Monastier. Per questo i presidenti di tutte le sezioni provinciali si sono ritrovati a fine settembre nel Veneziano in una location prestigiosa come il Golf club Ca' della Nave di Martellago. Ma ieri, 19 ottobre, hanno dovuto alzarte bandiera bianca e decidere il rinvio.

Il consigliere Unvs  e neo vicepresidente nazionale Prando Prandi ha spiegato gli aspetti organizzativi della manifestazione  di fine ottobre  che, grazie alla disponibilità della nota struttura trevigiana - già centro medico di riferimento di società blasonate come la Reyer Venezia -, da itinerante potrebbe diventare appuntamento fisso annuale. Il primo evento quest'anno sarà di "competenza" della sezione veneziana, la Olgeni-Mura, dopo le prime 5 edizioni venete che hanno visto premiare atleti di caratura internazionale come Sara Simeoni, Rossano Galtarossa, Giovanni Battaglin e, lo scorso anno a Verona, Francesca Porcellato. Stavolta l'Unvs veneta non sarà da meno assegnando il riconoscimento a Silvio Martinello, 57 anni, campione padovano olimpionico ad Atlanta 1996, 5 volte iridato e candidato alla presidenza della Federazione ciclistica italiana (Fci).

I PREMIATI
«Le scelte dei premiati rispecchiano i valori dell'Unione Nazionale Veterani dello Sport, mettendo in luce anche aspetti umani - hanno spiegato Prandi e il delegato regionaleVincenzo Cappello - e saranno anche nobilitate dalla borsa di studio di 500 euro  da assegnare a enti, società sportive o atleti particolarmente meritevoli.

Insieme a Martinello - veterano veneto 2020 - ogni sezione premierà con una scultura in vetro un socio che si è distinto nell'attività della sezione e un atleta meritevole. La sezione di Venezia darà un riconoscimento (il mouse di cristallo) anche a un giornalista  che si è distinto nella carriera sportiva.

Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre, 21:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA