Sabato 13 Luglio 2019, 09:41

Falsi prosciutti dop, il Consorzio di San Daniele: «Cambiare il disciplinare»

Falsi prosciutti dop, il Consorzio di San Daniele: «Cambiare il disciplinare»

di Cristina Antonutti

Dopo lo scandalo dei falsi prosciutti Dop, il Consorzio di San Daniele chiede di mettere mano al disciplinare ritoccando pesantemente proprio l'articolo numero 5, lo stesso che ha portato decine di allevatori friulani a processo. Il documento è stato ampiamente rivisitato, ma la novità più importante è proprio quella dei pesi. Adesso i suini destinati al San Daniele devono pesare tra i 144 e 176 chilogrammi quando entrano in macello, in futuro il peso sarà calcolato sulle carcasse. Le cosce dovranno...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Falsi prosciutti dop, il Consorzio di San Daniele: «Cambiare il disciplinare»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-07-15 21:18:01
Hanno voluto tirare troppo la corda e ora si è spezzata. Hai voglia adesso a riottenere credibilità.....
2019-07-15 15:58:51
C'è un solo sistema per tracciare senza margine d'errore la provenienza dei prosciutti, creare una banca dati del DNA del suino Duroc che risponde ai dettami dei vari disciplinari: San Daniele, Prosciutto di Parma, di Montagnana ecc.. Ma dagli allevatori alla grande distribuzione nessuno lo vuole fare, indovinate perché! Provate ad indovinare anche il perché trovate prosciutti dello stesso marchio a prezzi completamente diversi, fatto salvo ovviamente i mesi di stagionatura. Ai padani non c'è nulla da insegnare.
2019-07-15 15:02:54
Abbiamo padani che sono convinti, non è una battuta siamo arrivati quasi a litigare, che i circa 28 milioni di prosciutti lavorati in italia siano frutto dell'allevamento di circa 4,5 milioni di suini nordici e non c'è verso di fargli cambiare idea. Aiuto, come si può spiegare a un leghista che un suino ha al massimo due zampe nella parte posteriore e che i rimanenti vengono importati dall'estero?
2019-07-14 17:43:55
enrico anche questa è una eccellenza da segnare...hahahahahaahhaahahahahahahahaahahahahahahahahaahahaha......ciao enrico..ciao.
2019-07-14 06:42:29
Alla fin fine, il giudizio supremo lo da'il palato.Marchio e logo servono a differenziare il prezzo.Poi magari il prodotto e' in negozio da tempo..e'irrancidito,ossidato . bruno al centro..Un tempo la fettina di assaggio prima di ordinare se gradito, era frequente.. adesso c'e'pure la vaschetta sigillata in atmosfera inerte.Si giudica dall'aspettoe dal packaging...poi la plastica chissa'dove finisce.I luoghi per pic nic ne abbondano e non sempre negli appositi cestini.Un buon logo fa passare di tutto.