Il Consiglio di Stato: vitalizi decurtati
​per gli ex consiglieri regionali veneti

Il Consiglio di Stato: vitalizi decurtati  per gli ex consiglieri regionali veneti
Vitalizi decurtati per gli ex consiglieri regionali del Veneto. Lo ha deciso il Consiglio di Stato che ha respinto l'appello presentato da circa una sessantina di ex consiglieri e da alcuni eredi contro la sentenza del Tar Veneto che nel dicembre 2015 aveva già dichiarato inammissibile il loro ricorso per difetto di giurisdizione. Il Tar aveva ritenuto che il vitalizio fosse un trattamento di natura pensionistica e che il giudice competente non fosse quello amministrativo, ma la Corte dei conti.

Gli ex consiglieri, difesi dagli avvocati Maurizio Paniz, Franco Stivanello Gussoni e Italico Perlini, hanno impugnato la decisione del Tar, ma la quinta sezione del Consiglio di Stato, con la sentenza depositata oggi, di cui è relatore il consigliere Raffaele Prosperi, lo ha respinto e ha confermato la decisione di primo grado, seppure con motivazioni diverse. Il Consiglio di Stato, infatti, si è richiamato una recente decisione delle Sezioni unite della Cassazione che partendo dalla considerazione che i vitalizi non hanno natura pensionistica, hanno prospettato la competenza del giudice ordinario. Nel giudizio si era costituita la Regione Veneto che ha chiesto, e ottenuto, che l'appello fosse rigettato. Prevista dalla legge regionale 43 del 2014, la decurtazione del vitalizio è stata attuata attraverso una delibera della Regione del gennaio 2015 che faceva scattare per tre anni una riduzione dell'importo lordo mensile per chi vantava un reddito annuo ai fini Irpef superiore a 29.500 euro, con un taglio del 5% fino a 2mila euro, dell'8% tra 2mila e 4mila euro, del 10% tra 4mila e 6mila euro e del 15% oltre i seimila euro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Aprile 2017, 17:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Consiglio di Stato: vitalizi decurtati
​per gli ex consiglieri regionali veneti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2017-04-19 10:31:34
E' vero che Napolitano percepisce 880.000 euro l'anno ?
2017-04-19 13:26:50
Sul Giornale sta scritto questo, dicono anche che ha un Maggiordomo pagato da noi, io per fortuna Napolitano non lo conosco e ho postato notizie trovate sui Giornali.
2017-04-19 15:58:55
Il Giornale ? Hhahahahahahaahahahahahaahahahahahahaahahahahhahahahahahahafate il piacere....hahahahaahahahahaha....comici...ciao.
2017-04-19 17:21:27
Il Giornale e molto più credibile de l'Unita' e della RAI, organi del partito di Renzi.
2017-04-20 04:22:55
Puo' anche chiamarsi CARTA IGIENICA... risulta anche a me che l'ex-PdR Napolitano prende di pensione ca 900 MILA euro all'anno (ca 3 volte il salario dell'ultimo Presidente degli Stati Uniti Barak Obama --quello attuale Donald Trump neppure prende lo stipendio). Napolitano inoltre ha la scorta, 10 persone salariate (da noi), un ufficio di 100 mq. al Quirinale e altri benefici (tipo telefonate), TUTTO pagato DAI SOLITI che pagano le tasse. Ricordo ancora Napolitano a Tribuna Politica (trasmissione RAI) quando difendeva a spada tratta l'invasione del Patto di Varsavia in Ungheria nel 1956: insomma era contrario ad ogni forma di "democrazia." Apparentemente PAGA essere o un delinquente o un politico in Itaglia...mentre le ns. pensioni (per chi le ha) arrivano sempre piu' tardi (67 anni) ...ad eccezione dei POLITICI (regionali o parlamentari) che non hanno la legge pensionistica che il POPOLO HA. Altro che ridere, io mi ribellerei ad un tale ladrocinio LEGALE.