Triste primato di Trento: oltre il 31% di terapie intensive occupate, in Alto Adige è il 17

Giovedì 13 Gennaio 2022
Triste primato di Trento: oltre il 31% di terapie intensive occupate, in Alto Adige è il 17

TRENTO - «Performance in peggioramento per i casi attualmente positivi» e «aumento dei nuovi casi» sia per l'Alto Adige, sia per il Trentino: lo rileva la Fondazione Gimbe nel suo monitoraggio settimanale sull'andamento della pandemia da Covid-19 in Italia. Particolarmente preoccupante, come nel resto d'Italia, la crescita delle ospedalizzazioni. Soprattutto nella provincia di Trento che, con il 31,1%, registra la più alta percentuale di occupazione delle terapie intensive da parte di pazienti Covid-19.

In Alto Adige questa percentuale è del 17%. Tanto il Trentino quanto l'Alto Adige, nella settimana dal 5 all'11 gennaio, si situano nel gruppo di province con un'incidenza dei nuovi casi settimanali superiore ai 2.000: per il Trentino 2.774 (con un aumento dell'81,9% rispetto alla settimana precedente), per l'Alto Adige 2.168 (più 145,8%. I casi attualmente positivi per 100.000 abitanti sono 4.353 in Trentino e 2.649 in Alto Adige. In entrambe le province sono sopra la soglia di saturazione anche i posti letto occupati da pazienti Covid-19 in area medica: Trento 23,6% e Bolzano 15,4%.

La popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 78% in Trentino ed al 72,2% in Alto Adige (media Italia 79%). Il tasso di copertura vaccinale con terza dose è del 58,1% in Trentino e del 62,2% in Alto Adige (media Italia 61,5%). La popolazione tra 5 e 11 anni che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 3,6% in provincia di Trento ed al 2,5% in quella di Bolzano (media Italia 2,4%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA