Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, Fedriga inasprisce la zona gialla: nei locali pubblici consumazioni solo da seduti dalle 11 in poi

Domenica 31 Gennaio 2021 di Redazione online
Covid, Fedriga inasprisce la zona gialla: nei locali pubblici consumazioni solo da seduti dalle 11 in poi

TRIESTE - Divieto di consumare alimenti e bevande per asporto nelle vicinanze dell'esercizio di vendita e, comunque, nei luoghi dove siano possibili assembramenti e divieto di consumazione al banco nei locali dopo le ore 11; forti raccomandazioni per contenere al massimo i contagi in Friuli Venezia Giulia.

E' quanto dispone l'ordinanza contingibile e urgente numero 3/2021 firmata oggi dal governatore Massimiliano Fedriga.

SCARICA IL DOCUMENTO cliccando qui 

L'ordinanza, che sarà in vigore da domani 1 febbraio al prossimo 5 marzo, ripropone una serie di limitazioni già previste nell'ordinanza dello scorso 5 dicembre, nonostante il rientro del Friuli Venezia Giulia in zona gialla a partire appunto da domani.

Nelle sue premesse il provvedimento ravvisa, infatti, che i dati epidemiologici indicano "una situazione ancora seria che richiede di ridurre al minimo le possibilità di assembramento".

Come nell'ordinanza 45 del 5 dicembre 2020, è consentita dalle ore 11  fino a chiusura l'attività di somministrazione di alimenti e bevande esclusivamente con consumazione da seduti sia all'interno che all'esterno dei locali, su posti regolarmente collocati e in ogni caso nel rispetto delle Linee Guida approvate dalla Conferenza delle Regioni relativamente alla distanza minima interpersonale di un metro. Analogamente, i servizi di ristorazione devono esporre all'ingresso un cartello indicando il numero massimo di persone ammesse nel locale.

L'ordinanza siglata oggi dal governatore del Friuli Venezia Giulia ribadisce alcune forti raccomandazioni:

a vendere alimenti e bevande con consegna a domicilio;

a non usare mezzi di trasporto pubblico salvo che per necessità non espletabili con altri mezzi;

a svolgere attività sportiva, attività motoria e passeggiate all'aperto in aree solitamente non affollate e comunque rimanendo l'obbligo del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività.

Sono confermati tutti gli obblighi già previsti relativi all'uso della mascherina a copertura di naso e bocca. A tale proposito, va ricordato che, nel caso di momentaneo abbassamento della mascherina per la regolare consumazione di cibo o bevande o tabacchi, dovrà in ogni caso essere assicurata una distanza minima di un metro e che è obbligatorio l'utilizzo della mascherina sui mezzi privati se presenti a bordo persone tra loro non conviventi.

Bollettino

Oggi - 31 gennaio - in Friuli Venezia Giulia su 3.462 tamponi molecolari sono stati rilevati 310 nuovi contagi con una percentuale di positività dell'8,9%. Sono inoltre 929 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 86 casi (9,2%). I decessi registrati sono 16; i ricoveri nelle terapie intensive sono 60 mentre quelli in altri reparti ammontano a 590, quest'ultimo dato in calo rispetto a ieri. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

I decessi complessivamente ammontano a 2.394, con la seguente suddivisione territoriale: 546 a Trieste, 1.154 a Udine, 535 a Pordenone e 159 a Gorizia. I totalmente guariti sono 52.252, i clinicamente guariti salgono a 1.555, mentre le persone in isolamento risultano essere 10.683. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 67.534 persone con la seguente suddivisione territoriale: 13.511 a Trieste, 29.780 a Udine, 15.314 a Pordenone, 8.115 a Gorizia e 814 da fuori regione. Nel dettaglio dei dati odierni sul Covid-19 in Friuli Venezia Giulia, nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati 4 casi di positività tra le persone ospitate nelle strutture regionali, mentre gli operatori sanitari risultati contagiati all'interno delle stesse strutture sono in totale 4.

Sul fronte del Sistema sanitario regionale da registrare nell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale le positività al Covid di un amministrativo e tre assistenti socio sanitari; nell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di un infermiere; nessun caso nell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale.

L'ordinanza

Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio, 09:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci