Coronavirus in Veneto, scuole e università chiuse, stop a eventi pubblici fino al 1° marzo Sanificazioni su tutti i treni e i vaporetti

Domenica 23 Febbraio 2020 di Angela Pederiva
Coronavirus, forze dell'ordine a Venezia
16

VENEZIA - Scuole e Università chiuse in tutto il Veneto fino al prossimo 1° marzo compreso. Questa è la drastica misura del governatore Luca Zaia che ha sospeso tutte le situazioni di aggregazione considerate a rischio di contagi da Coronavirus e anche iniziative come le gite scolastiche. Previsto inoltre lo stop al Carnevale e la chiusura dei musei. "So che queste decisioni causeranno disagi e polemiche, ma dobbiamo essere severi di fronte alla diffusione del Coronavirus", ha aggiunto il presidente della Regione.

L'ORDINANZA DELLA REGIONE VENETO - Clicca qui per leggere il testo 

LEGGI ---> Le tre vittime e i contagi del Coronavirus

Stop a Carnevale, manifestazioni pubbliche e private, eventi sportivi
«Abbiamo firmato con il ministro Speranza l'ordinanza con la quale vengono bloccate, Carnevale di Venezia compreso, tutte le manifestazioni pubbliche, private, la chiusura delle scuole e dei musei fino al primo di marzo». Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, durante l'unità di crisi a Marghera. «Il provvedimento - ha proseguito Zaia - prevede lo stop di tutte le grandi manifestazioni dal Carnevale in giù come quelli ludici e sportivi su suolo privato e pubblico».
Allo studio anche la chiusra di grandi luoghi di culto e centri commerciali.

Ospedali
Le direzioni sanitarie degli ospedali devono limitare l'accesso dei visitatori ai reparti a uno per paziente al giorno. Lo stabilisce l'ordinanza di Regione e ministero della Salute. Anche le Rsa per non autosufficienti - aggiunge il testo - dovranno limitare l'accesso dei visitatori agli ospiti. Il personale sanitario deve attenersi alle misure di prevenzione e applicare rigorosamente la sanificazione e disinfestazione degli ambienti prevista dalle circolari ministeriali.

Obblighi per chi viaggia
Chi entra in Veneto dopo viaggi in zone a rischio epidemiologico ha l'obbligo di comunicarlo al Dipartimento di prevenzione dell'Azienda Ulss competente per territorio. Lo prevede l'ordinanza cofirmata tra Regione Veneto e Ministero della Salute, emessa oggi. La comunicazione è necessaria, precisa il testo «per l'adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva». Misure analoghe in molti Paesi per chi si reca all'estero.

Sanificazioni su treni e vaporetti
«L'ordinanza - ha detto - prevede la disinfezione dei treni regionali e non, la sanificazione di autobus e dei vaporetti a Venezia, ci sono anche raccomandazioni comportamentali per i cittadini, dal lavarsi mani a non avere rapporti ravvicinati tra persone. È chiaro che le manifestazioni in corso vanno ad esaurimento, perché svuotare una piazza porta problemi di ordine pubblico. Da stasera si va all'assenza totale, fiere comprese. Dopo di che - ha concluso Zaia - se il primo di marzo sarà necessario, l'ordinanza sarà reiterata». 

NUMERO VERDE PER I CITTADINI
La Regione Veneto ha attivato il numero verde 800462340 per assistere e informare i cittadini sui comportamenti da tenere da parte delle persone che temono di essere entrate in contatto con virus.

VOTA IL SONDAGGIO --> Misure giuste o eccessive?

Il virologo: «Siamo passati alla fase di diffusione autoctona del virus»

 
 

Coronavirus in Veneto, evitare il contagio: i provvedimenti

Stop alla serie A in Lombardia e Veneto
Lo sport si ferma in Lombardia e Veneto: quindi niente partite di serie A per Inter, Atalanta e Verona, che dovevano giocare tutte e tre in casa. Nessuna manifestazione sportiva avrà luogo domani in Veneto e Lombardia. Lo annuncia il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora al termine del Consiglio dei ministri. In una lettera inviata al presidente del Coni, Giovanni Malagò. Spadadora - sulla base delle decisioni del cdm - chiede al n.1 dello sport italiano «di farsi interprete presso tutti i competenti organismi sportivi dell'invito del Governo di sospendere tutte le manifestazioni sportive di ogni grado e disciplina previste nelle Regioni Lombardia e Veneto per la giornata di domenica 23 febbraio 2020»... (LEGGI TUTTO)

Vo' Euganeo, paese blindato. Non si entra e non si esce dalla cittadina
Coronavirus a Vo' Euganeo: il paese viene blindato. Stanno iniziando a chiudere le strade che portano a Vo'. Le forze dell ordine stanno provvedendo a organizzare i blocchi. I residenti potranno approvigionarsi solamente all'interno del market di Vo', in piazza, davanti al municipio anche se al momento serpeggia la paura che le scorte non bastino... (LEGGI TUTTO)

Carnevale di Venezia, stop alla manifestazione da lunedì 24 febbraio
L'ultima domenica di festeggiamenti è stata quella del 23 febbraio a Venezia, dove sono stati registrati i primi due casi di Coronavirus in pazienti anziani veneziani e residenti in centro storico. Il sindaco ha annunciato lo stop al Carnevale da lunedì... (LEGGI TUTTO)

Chiuse le Università del Veneto
Coronavirus in Veneto, la Regione ha stabilito la chiusura di tutti gli atenei del territorio a causa dell'allarme contagio da Covid-19. Non sarà possibile per gli studenti frequentare corsi, sostenere esami, o avere colloqui con i professori... (LEGGI TUTTO)

Il messaggio del rettore di Ca' Foscari - Care colleghe e cari colleghi tutti, care studentesse e cari studenti, a integrazione della comunicazione trasmessa ieri, informiamo che la sospensione di lezioni ed esami, già disposta da lunedì 24 febbraio e fino a sabato 29 febbraio, viene estesa per il medesimo periodo a esami di laurea/dottorato, colloqui con i docenti, ricevimento studenti e in generale a tutte le attività che coinvolgano studenti e/o persone esterne all'università (conferenze, eventi, seminari, iniziative di divulgazione scientifica). Come per lezioni ed esami, tutte le attività saranno per quanto possibile riprogrammate. Relativamente ai concorsi, le decisioni saranno prese caso per caso dai responsabili dei procedimenti. Sempre per ragioni di cautela saranno chiuse le biblioteche e le sale studio dal 23 febbraio al 1 marzo. Rimarrà invece attiva, fino a diversa comunicazione, l'operatività del personale universitario tutto, docente e non docente, per tutte le attività che non comportino ricevimento al pubblico. Il personale (docente e non docente) residente nelle zone a mobilità vincolata sarà assente giustificato e retribuito. Sarà nostra cura seguire costantemente l'evoluzione della situazione e fornirvi tutti gli aggiornamenti e le informazioni del caso.

 

Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio, 14:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA