Coronavirus Veneto. Zaia preme sul ministro: «Voglio riaprire le scuole, ma da Roma tutto tace» Video

Venerdì 28 Febbraio 2020
Coronavirus Veneto. Zaia preme sul ministro: «Voglio riaprire le scuole, ma da Roma tutto tace»
17

Coronavirus in Veneto: le ultime notizie sul Gazzettino.it su come sta andando il contagio (LEGGI - guarda la MAPPA INTERATTIVA) e sul tentativo di ritorno alla normalità, partendo dalla riapertura delle scuole che, tuttavia, non sembra essere così semplice da mettere in atto. Intanto a Venezia il sindaco Luigi Brugnaro sta già facendo pulire gli istituti, in previsione del ritorno in classe (LEGGI TUTTO).

Coronavirus in Veneto, riapertura delle scuole: a Vo' Euganeo e Limena resteranno chiuse
Coronavirus, scuole chiuse: 85 sindaci del Vicentino: «Riaprirle già lunedì»

Zaia chiede la revoca della chiusura delle scuole, ma nessuno risponde
«L'ordinanza» sulle misure per contenere il contagio da coronavirus «scade domenica, ovvero fra 48 ore. Io sto chiedendo da due giorni che si scriva una nuova ordinanza, che si vada a una revoca e che in ogni caso si dia modo alla cittadinanza di poter programmare». È la richiesta fatta stamane dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia. «Era fondamentale che si chiudesse nelle ore passate, spero si chiuda almeno oggi, al massimo entro oggi».

Cosa aveva detto ieri il presidente Zaia al governo: «Revocare l'ordinanza, emergenza passata. Da lunedì riapro le scuole in Veneto»

L'avvertimento del governatore: «Attenzione, se crolla il Pil del Veneto, crolla l'Italia»

La richiesta: «La comunità scientifica metta nero su bianco cosa dobbiamo fare»
«Ovviamente ho chiesto che ogni forma di indicazione e prescrizione, compreso quello che accadrà alle scuole, sia validata dalla comunità scientifica: che firmino nero su bianco le misure da adottare. Aspettiamo che qualcuno metta nero su bianco le indicazioni».

Riapertura delle scuole, la decisione oggi
Sulla riapertura della scuole «entro oggi arriverà la decisione dell'Istituto superiore di Sanità». Lo ha reso noto il governatore del Veneto, Luca Zaia. L'auspicio è che «lunedì possano riaprire le scuole del Veneto - ha precisato - perché io posso parlare solo della mia Regione. Non mi permetto di dare indicazioni sulle situazioni. Ma penso sia ragionevole che tra oggi, massimo domani, si dica cosa vogliamo fare. Bisogna dare indicazioni chiare» a famiglie e cittadini «ma nel rispetto delle valutazioni scientifiche». «Ripartire è il sogno», conclude.

 


LA MAPPA DEL CONTAGIO - CLICCA QUI

Coronavirus in Veneto, la polemica sui tamponi: studio epidemiologico eccezionale
Dopo i primi due casi di contagio a Vo' «ho avanzato la richiesta di fare i tamponi a tutti i cittadini. Sembrava uno spreco. Adesso abbiamo uno studio epidemiologico eccezionale che nessuno ha al mondo e ora, con l'Università di Padova vogliamo sviluppare uno studio scientifico su questa casistica». Lo ha annunciato stamani il governatore del Veneto, Luca Zaia. «Siamo stati criticati per avere realizzato troppi campioni - aggiunge Zaia -, ne abbiamo fatti 6.800 con una positività dell'1,7%. Adesso abbiamo un grande campione che nessuno ha al mondo. Nessuno ha una enclave con i primi due contagiati, i contagiati positivi, l'asintomatico che diventa negativo. Abbiamo un modello su cui costruire un algoritmo, che sarà studiato in collaborazione con il prof. Andrea Crisanti direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'Università di Padova», ha concluso.

 

Coronavirus, le ultimissime notizie sul Gazzettino.it

12 paesi "vietati" a chi arriva dall'Italia: ecco l'elenco
Scuole chiuse: Lombardia, Veneto e Friuli verso la riapertura
Borrelli: «Nessuna sovrastima dei casi, i test positivi tutti confermati»
Il Vaticano chiude per prevenzione tutte le catacombe, il rischio dei contagi nei cunicoli è alto
La Francia ha il nostro problema: focolaio a Beauvais senza il paziente zero
 

 

Ultimo aggiornamento: 29 Febbraio, 09:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA