Coronavirus, Zaia la diretta: «Le terapie intensive superano i 300 posti occupati, siamo in area gialla ma dobbiamo vedere rosso»

Sabato 21 Novembre 2020 di Gigi Bignotti
7

Luca Zaia in diretta oggi, sabato 21 novembre 2020. Il presidente della Regione Veneto in conferenza dalla sede della Protezione Civile di Marghera fornisce gli utlimi aggiornamenti sull'andamento della pandemia da Coronavirus in Veneto.

Covid, test rapidi antigenici gratis nelle farmacie venete: in 500 dicono di sì

Zona rossa, resa dei conti governo-regioni sui 21 paramentri

 

Zaia in diretta oggi

 

Il bollettino

Tamponi molecolari fatti ad oggi sono  2 milioni e 658mila.  I positivi  totali 119.726 ovvero +3570 in 24 ore. L'incidenza dei positivi è scesa del 30%. In isolamento 39.157 persone e le terapie intensive sono 291 ma oggi supereremo i 300.  Purtroppo sono 3170 le vittime totali, +67 in 24 ore.

Restiamo in area gialla ma ho una grande preccupazione: che abbassiamo la guardia. Dobbiamo vedere rosso, nel week end ci sarà bel tempo ma evitate di violare le regole. Noi siamo in area grigia, la più brutta perchè incerta.

 Dietro l'angolo non è la zona arancione, ma la rossa. Evitate le vasche e lo struscio, passeggiate in luoghi affollati.

Non avrei mai pensato di dover dare queste indicazioni ma lo devo per il senso di comunità e per rispetto ai malati e a tutti gli operatori sanitari. 

Vaccini

Sul tema vaccinazioni - ha  precisato ancora Zaia -  va detto che non sarà semplice: tutti lo vorranno subito, ma servirà una task force per praticarla, migliaia e migliaia di medici. E immagino che ci saranno almeno 4 o 5 vaccini autorizzati.

Polemica di De Luca

Più volte richiesto dai giornalisti di replicare al governatore campano De Luca (affermazioni su pericolosità dei tamponi fai-da-te) Zaia ha elegantemnete glissato: «Non ho sentito quello che ha detto».

SCARICA IL BOLLETTINO UFFICIALE di oggi 

Virus, pressione sugli ospedali

La nostra programmazione sanitaria è compressa e dedicata solo al Covid. I nostri direttori sanitari sono tutti al lavoro. L'ordinanza che scade domani sera - quella della zona gialla plus - sarà reiterata.

Vi confermo che abbiamo mille terapie intensive utili in gran parte attrezzate, 166 arrivano dalle semi-intensive.

I segnali positivi ci sono ma con 3 realtà a rischio: Verona, Vicenza e Venezia  con numeri crescenti. Comunque anche per gli altri che stanno meglio occorre che i numeri si consolidano.

Il Natale? Dovete finire di  chiederlo, dovremo stare fra pochi intimi, i familiari. Non fare assembramenti, riscoprire il senso della famiglia.

Passaporto sanitario

Come accade per molti Paesi, ad esempio per la febbre gialla, anche noi ci sposteremo solo con il passaporto sanitario per il Covid.

 

Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 14:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA