Coronavirus, isolamento volontario di 14 giorni per gli studenti "a rischio". La vittoria dei governatori del Nord

Sabato 8 Febbraio 2020
Coronavirus, isolamento volontario di 14 giorni per gli studenti
4

Coronavirus, nuova mossa del Miur sulla gestione del rischio contagio e sul dibattito innescato dalle Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Lombardia che avevano chiesto l'isolamento volontario" per gli studenti di ritorno dalla Cina. Oggi il ministero della Salute ha aggiornato la circolare che dà indicazioni ai presidi: assenza giustificata 14 giorni per permanenza a casa volontaria. 

IL COMMENTO Isolamento fiduciario. Luca Zaia: «Provvedimento corretto e responsabile»

Intanto altri 9 italiani saranno evacuati da Wuhan a bordo di un aereo britannico che decollerà alle 23.30 e trasporterà a Londra anche cittadini di altri paesi europei. Il volo Gb arriverà alla base della Raf di Brizenorton, vicino Londra, da dove i connazionali verranno prelevati da un aereo italiano che arriverà a Pratica di Mare. Tra i connazionali c'è anche lo studente 17enne di Grado che era rimasto bloccato in città e che dovrebbe atterrare in Italia insieme agli altri italiani alle 9,30 di domenica. L'operazione viene coordinata dall'Unità di crisi della Farnesina. I nove saranno poi trasferiti all'ospedale militare del Celio per la quarantena.

 

Allarme Coronavirus, Veneto e Friuli chiedono la "quarantena" a scuola

LA SCELTA DI 4 REGIONI DEL NORD: "ISOLAMENTO" PER GLI ALUNNI DI RITORNO DALLA CINA Allarme Coronavirus: i governatori di Veneto, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige hanno scritto una lettera comune al Ministero della Sanità chiedendo che il periodo di isolamento previsto per chi rientra dalla Cina sia applicato anche ai bambini che frequentano le scuole.


 

Coronavirus, isolamento volontario: cosa dice il Miur

Non c'è uno specifico obbligo, ma il ministero della Salute "favorisce" la "permanenza volontaria fiduciaria" a casa per 14 giorni degli studenti che rientrano dalla Cina. È quanto prevede l'aggiornamento della circolare del 01/02/2020 che conteneva "Indicazioni per la gestione degli studenti e dei docenti di ritorno o in partenza verso aree affette della Cina", varato oggi dal ministero della Salute sulla base delle indicazioni messe a disposizione dal Comitato Tecnico Scientifico, istituito dal Commissario straordinario della Protezione Civile.

«Di fronte alla crescita del livello di diffusione del coronavirus 2019-nCoV in Cina - spiega in una nota il ministero - l'aggiornamento della circolare è ispirato, coerentemente con tutti i precedenti provvedimenti del Ministero, al principio di massima precauzione. Nelle prossime settimane è, infatti, previsto il rientro di studenti che si trovano attualmente in Cina. La circolare riguarda i bambini che frequentano i servizi educativi dell'infanzia e gli studenti, fino alla scuola secondaria di secondo grado, di ogni nazionalità, che nei 14 giorni precedenti il loro arrivo in Italia siano stati nelle aree della Cina interessate dall'epidemia. La misura di precauzione prevista in questi casi è quella di una sorveglianza attiva, quotidiana, del "Dipartimento di prevenzione della Asl di riferimento" attivato dal dirigente scolastico su segnalazione della famiglia. Tale monitoraggio consiste nella puntuale verifica della febbre e dei sintomi tipici del nuovo coronavirus 2019-nCoV.

«Fermo restando il diritto inalienabile di bambini e ragazzi, di qualsiasi nazionalità, di frequentare liberamente e regolarmente la scuola in assenza di evidenti e conclamate controindicazioni di carattere sanitario, in uno spirito di massima precauzione, il Dipartimento favorisce una "permanenza volontaria fiduciaria" a casa sino al completamento del periodo di 14 giorni dalla partenza dalla Cina», prosegue il ministero della Salute. Il ministero della Istruzione, si conclude, «con il quale l'aggiornamento della circolare è concordato, con un suo autonomo provvedimento darà indicazione ai dirigenti scolastici affinché tali assenze siano considerate giustificate».
 

Quello che per ora sappiamo sul virus 

IL VADEMECUM DELL'OMS
Analisi genetica accusa i pipistrelli

Allarme dei medici: «I contagi in ospedale a Wuhan ai livelli della Sars»
Virus Cina trasmesso all'uomo dai serpenti attraverso una mutazione genetica
Quello che dovete sapere su contagio e trasmissione della malattia
Tutte le fake news: dal cibo cinese ai pacchi acquistati online
​Coronavirus a Nordest, sotto controllo 60 casi sospetti
Azienda veneta inventa il prodotto chimico che lo abbatte
Pacchi-untori dalla Cina e virus in provetta È l'«infodemia», l'Oms dice basta alle fake
 

Ultimo aggiornamento: 21:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci