Coronavirus, camionista con la febbre a 40 scompare nel nulla. Era stato bloccato al confine con la Slovenia

Giovedì 19 Marzo 2020
Coronavirus, camionista con la febbre a 40 scompare nel nulla. Era stato bloccato al confine con la Slovenia
5
Coronavirus, camionista con la febbre a 40 svanito nel nulla. Il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, ha lanciato un allarme per rintracciare quanto prima un camionista respinto stamani al confine sloveno perché alla misurazione della temperatura è risultato avere febbre a 40° e di cui si sono perse le tracce. Ziberna ha immediatamente chiesto l'intervento del governo al quale ha inviato una lettera.

«Stamane ho appreso di come le autorità slovene, al valico di Sant'Andrea-Vrtojba, abbiano riscontrato un autotrasportatore con 40 gradi di temperatura corporea, gli abbiano impedito l'accesso in Slovenia e l'abbiano rimandato in territorio italiano - si legge nella lettera - Al momento potrebbe esserci una persona malata che transita nel nostro Comune».

L'autista «potrebbe essersi fermato nella zona di sosta confinaria Sdag spa, società che gestisce l'Autoporto di Sant'Andrea, in prossimità del confine, oppure essere andato a fare la spesa nei vicini supermercati, frequentati dai goriziani. Non ne abbiamo la minima idea». Ziberna sottolinea che alla Sdag i camionisti - ora quasi 400 con conseguente esaurimento di tutti gli stalli a disposizione - si trovino a condividere uno spazio limitato in più occasioni nel corso della giornata: «Quando parcheggiano, quando si recano ai bagni oppure all'area di ristorazione».


«Non voglio nemmeno pensare al disastroso effetto domino che potrebbe avere luogo qualora questa persona avesse effettivamente contratto il virus», ha commentato il sindaco isontino. Ziberna ha auspicato che le autorità si «attivino per permettere che la misurazione della temperatura corporea divenga una pratica obbligatoria anche per quanti arrivano dalla Slovenia ed entrano in Italia». O comunque, visto l'elevato numero di camionisti presente alla stazione confinaria Sdag, è «oltremodo necessario che si provveda prontamente alla misurazione della temperatura corporea ad essi e a tutti coloro che accederanno nelle prossime ore ai posteggi. Anche in quest'ottica, pertanto, rinnovo la richiesta di poter disporre con effetto immediato di pattuglie dell'Esercito». Ultimo aggiornamento: 15:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA