Conto per aiutare i veneti: «In banca 5 euro di commissioni, immorale»

Giovedì 8 Novembre 2018
55

«Se fosse vero quello che, purtroppo, da più parti, mi è stato segnalato, sarebbe veramente desolante: perché chiedere fino a 5 euro di presunte "spese di commissione" per effettuare un bonifico bancario a favore dei Veneti colpiti dal maltempo lo trovo a dir poco indegno»: la denuncia viene dal consigliere regionale veneto Gabriele Michieletto, del gruppo Zaia Presidente, che preannuncia sulla questione una interrogazione a risposta immediata.

COME AIUTARE Conto e numero di solidarietà 45500

L'esponente leghista vuole approfondire «la notizia secondo cui alcuni istituti di credito richiedono fino a 5 euro per i costi di gestione legati ai bonifici del conto corrente appositamente aperto a favore delle popolazioni venete colpite dal maltempo. Non voglio credere che alcuni di questi possano arrivare a richiedere fino a 5 euro ai cittadini che chiedono di fare del bene ad altre persone che sono in difficoltà - sostiene -. Se così fosse, sarebbe indegno, immorale ed ingiusto». Per Michieletto, «mai come in questa occasione anche le banche possano, e anzi debbano, fare la loro parte: si sospendano i mutui, piuttosto, a carico dei cittadini delle zone interessate dal maltempo, si aiuti la ripresa delle Province colpite finanziando progetti ed investimenti».

Intanto Intesa Sanpaolo informa che ha azzerato le commissioni sui bonifici fatti allo sportello e online a favore del conto corrente per la raccolta fondi “Veneto in ginocchio”. Qualora fossero state addebitate delle spese, in considerazione della finalità dei versamenti, la banca è a disposizione per rimborsarle. 

Ultimo aggiornamento: 9 Novembre, 15:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA