Giovedì 26 Settembre 2019, 09:35

Giustificazione sì, giustificazione no: lo sciopero sul clima divide i presidi

PER APPROFONDIRE: clima, presidi, sciopero, scuole, veneto
Giustificazione sì, giustificazione no:  lo sciopero sul clima divide i presidi
VENEZIA - La circolare del ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti ha preso in contropiede i presidi veneti. L'invito rivolto ai dirigenti scolastici a non considerare assenti gli studenti che domani scenderanno in piazza con Friday for Future, il movimento di protesta globale per la salvaguardia del clima, ha creato una spaccatura tra i presidi che hanno preso alla lettera e con entusiasmo la direttiva (nella quale però si sottolinea che ogni istituto è autonomo nella decisione finale) e quelli che invece, di fatto, non la seguiranno. Senza considerare i corto circuiti tra uffici scolastici e istituti.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Giustificazione sì, giustificazione no: lo sciopero sul clima divide i presidi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-09-27 02:04:46
Domanda: se negli ultimi anni sono stati ritrovati molti soldati morti nella prima guerra mondiale grazie allo scioglimento di ghiacciai sulle nostre montagne, significa che nel 1917 quei ghiacciai non esistevano e che si sono formati nel pieno dello sviluppo industriale europeo in cui si usava solo carbone! Prego chiunque abbia elementi per confutare quanto ho postato, di farlo!
2019-09-26 16:21:52
In Italia come si vuol dimostrare ogni scusa é buona per far sciopero e marrinare la scuola,e x Greta,oppure Honkong,o contro Trump e chi piú ne ha piú ne metta,importante é scioperare,non si pensa (Sindacati in testa) ore di lavoro perse produzione ferma meno introiti.Importante é e resta lo sciopero,poi ci lamentiamo che tutto va male
2019-09-26 15:47:31
Sciopero su chi? Per chi? con Chi? Andate in Classe ad istruirvi e lasciate perdere la Gretina Business..
2019-09-26 14:45:39
Se il Ministro non comprende l'importanza formativa e sociale della scuola, siamo proprio allo sbando. Peggio di Toninelli, cui si poteva quanto meno concedere l'estraneita' alla materia. Ma costui e' un insegnante, o quanto meno ne percepisce lo stipendio da anni..... anche sin un luogo lontano....e
2019-09-26 13:46:35
dicevano che gli "scioperi" fatti di "Venerdì" hanno piu'adesioni (anche se Greta assomiglia a "Mercoledì")