Ennesimo schianto fra due tir, ancora chiusa l'A4: caos anche sulla viabilità alternativa

PER APPROFONDIRE: a4, autostrada, code, incidente stradale, tir
Schianto fra tir, chiusa l'A4: uscita  obbigatoria e disagi per oltre 2 ore

di Marco Corazza

LATISANA - Mercoledì nero sulla A4: dopo il doppio mortale in mattinata poco dopo le 17 chiusa ancora l'autostrada con uscita obbligatoria a San Donà di Piave per lo scontro fra due tir verso le 17  nel tratto fra San Donà e Latisana. Ci sarebbero feriti. 

In mattinata c'erano stati altri gravi incidenti con due vittime: si tratta di due turiste donne (un'austriaca e una modenese) schiacciate dai  tir che hanno tamponato i loro veicoli. Una terza persona è gravissima. Altri 2 i feriti gravi.

Autovie Venete in serata riassume le varie fasi della drammatica giornata: «Mercoledì veramente campale in A4, oggi,  con una serie di tamponamenti accaduti in punti diversi che hanno richiesto più chiusure. Il primo si è verificato fra Latisana e Portogruaro in direzione Venezia alle 7 e 30 del mattino. Si è trattato di un tamponamento fra mezzi pesanti (senza feriti) che ha congestionato una viabilità già sotto pressione per il traffico intenso del mattino e provocato lunghe code. Ben più grave il secondo sinistro accaduto in A23 a poche centinaia di metri dal nodo di interconnessione fra A4 e A23 in direzione Palmanova; ancora un tamponamento che ha visto coinvolti un mezzo pesante, una vettura, un camper e un secondo mezzo pesante: due persone decedute e tre ferite il pesante bilancio. L’entrata di Udine Sud è stata chiusa dalle 12 alle 16 per consentire le operazioni di soccorso e rimozione dei mezzi. Il terzo incidente, ancora un tamponamento fra due mezzi pesanti - è accaduto verso le 16,00 nel tratto di A4 fra Portogruaro e Latisana in direzione Trieste e ha richiesto la chiusura, fino alle 18 del tratto interessato, nonchè dell’entrata di Portogruaro.

Un quarto tamponamento fra mezzi pesanti è accaduto verso le 17.20 fra San Stino e Portogruaro in direzione Trieste, ma per fortuna in questo caso non è stato necessario chiudere l’autostrada perché il traffico, seppur lentamente, è stato fatto scorrere sulla corsia di marcia. Decisamente congestionata la circolazione nella serata perché il traffico bloccato per il terzo incidente, quando è stato fatto defluire si è sommato a quello molto intenso in transito, rallentandone ulteriormente la fluidità. Autovie Venete consiglia, a chi è diretto verso Trieste di utilizzare il by-pass che attraverso la A27 e la A28 consente di rientrare in A4 all’altezza di Portogruaro
»

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 24 Aprile 2019, 17:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ennesimo schianto fra due tir, ancora chiusa l'A4: caos anche sulla viabilità alternativa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-04-25 11:31:34
ma se il traffico è deviato sulla viabioità ordinaria, perchè no c'è il servizio di polizia stradale nei paesi interessati? da Portgruaro, per passare il ponte di Latisana, ieri sera ci ho messo una ora: manco a milano!
2019-04-25 00:15:02
...mandateli su rotaia.....!
2019-04-24 20:30:18
Si PuO' DEFiNiRE L' auTosTrada deLLa _MORTE_ con una Media di TRE inCiDENTi La SeTTimana... oGGi E sTaTo BaTTuTo iL RecorD... 4 incidenTi in uN SoL Giorno...
2019-04-25 11:33:04
tanti incidenti adesso che stanno costruendo la terza corsia: prima non si sentiva nulla
2019-04-24 19:15:20
Il Ministero dei Trasporti dovrebbe svegliarsi e obbligare i mezzi pesanti ad installare la frenata automatica. Ha obbligato i seggiolini allarmati per i bambini, ma mi pare che i morti per tamponamenti tra TIR siano molti di piu'. Inoltre si dovrebbero inasprire, e non poco, le sanzioni per chi non rispetta i limiti di velocita', i periodi di guida e di riposo anche manomettendo il tachigrafo, il divieto di bere alcolici o assumere stupefacenti: revoca della patente per 5 anni, confisca del mezzo e del carico. Vedreste che invece di "corri e fai presto, pago io la multa" igli spedizionieri direbbero "rispetta il codice, vau piano e non bere"!