Veneto, i conti in aula: l'autonomia vale per la Regione 18,8 miliardi

Martedì 31 Ottobre 2017 di Angela Pederiva
Luca Zaia
51

Ma in soldoni, cosa vorrà dire l'autonomia? La domanda che dal 22 ottobre si fanno tutti è stata al centro ieri della seduta della commissione Affari Istituzionali del consiglio regionale, dove si è incardinato il progetto di legge statale su cui sarà costruita la trattativa con il governo. La risposta di Palazzo Balbi è che i famosi «nove decimi di Trento e Bolzano» varranno per il Veneto 18 miliardi e 803 milioni di euro, ma è un conto che non soddisfa l'opposizione, secondo cui prima di andare a Roma servirà anche una quantificazione delle risorse necessarie per ciascuna delle 23 competenze richieste. In aula c'erano anche i dirigenti regionali Maurizio Gasparin (Programmazione e sviluppo strategico) e Gianluigi Masullo (Risorse strumentali). Ed è stato proprio quest'ultimo ad illustrare la scheda di analisi economico-finanziaria del pdl 43, documento su cui si basano le aspettative autonomiste. Conclusione: «Le maggiori risorse per il bilancio regionale derivanti dalla devoluzione dei nove decimi di Irpef, Ires e Iva, al netto delle quote attualmente attribuite, risultano stimabili pertanto in 18 miliardi e 803 milioni»...
 
 

Ultimo aggiornamento: 11:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA