Lunedì 31 Dicembre 2018, 11:35

Autonomia, asse Zaia-Salvini: «Avanti così, il 21 marzo è vicino»

PER APPROFONDIRE: autonomia, date, veneto
Luca Zaia e Matteo Salvini

di Alda Vanzan

Matteo Salvini aveva detto: «Autonomia entro l'autunno». Poi, quando la data del 20 dicembre, ultimo giorno d'autunno, si avvicinava e da Palazzo Chigi non c'era sentore di uno straccio di intesa, aveva aggiornato la data: entro Natale. Non solo Natale sarebbe passato, e Santo Stefano pure, ma il premier Giuseppe Conte, dopo un passaggio in consiglio dei ministri, prima ha annunciato la firma per il 15 febbraio (e accanto a sé aveva sia Salvini che il ministro per gli Affari regionali Erika Stefani), poi ha tentennato sulle materie: tutte e 23? non se ne parla.

LEGGI ANCHE Autonomia, altolà di Zaia: «Non firmo un'intesa annacquata»
LEGGI ANCHE Il governatore della Lombardia: se M5s dice no all'autonomia cade il governo

Adesso siamo a un nuovo aggiornamento: nell'intervista pubblicata ieri sul Gazzettino, il ministro dell'Interno e segretario della Lega ha assicurato che le materie ci saranno tutte. Epperò ha ri-corretto la data per la firma dell'intesa tra Regione Veneto e Governo: «Entro il 21 marzo», aggiungendo tra l'altro che si era sempre detto entro
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Autonomia, asse Zaia-Salvini: «Avanti così, il 21 marzo è vicino»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2019-01-02 10:08:50
Si accorgeranno i veneti quale batosta economnica gli capitera' con l'attuazione del federalismo. Porta solo piu' potere ancora una volta hai politicanti nient'altro, in realta' si dovevano tagliare i poteri ai politici, il tempo sara' galantuomo
2019-01-02 19:46:26
Guardi che le Regioni sono state fatte apposta, quando furono introdotte nel 1970, dall'accordo spartitorio di poltrone Dc-PCi. Senta un po' cosa ebbe a dire uno degli artefici del regionalismo, nel 1970, Francesco Cossiga (Dc): “esse furono dunque varate per motivi eminentemente di equilibrio politico, non perché le si ritenesse necessarie per una migliore organizzazione dello Stato; insomma, bisognava dare un po’ di potere ai comunisti lì dove erano più forti: in Toscana, in Emilia Romagna, in Umbria” Ora, i regionalisti che abbiamo ora, altro non sono che gli eredi diretti di questo "giochino".
2019-01-01 18:43:17
Il 21 Marzo?Di quale anno?
2019-01-01 15:59:15
Salvini è in difficoltà e Zaia interviene in aiuto. Comunque questa autonomia significa solo costi e burocrazia inutile in più. Non un euro in più rimarrà in Veneto. Scommettiamo?
2019-01-01 19:29:48
Il vero federalismo prevede che per ogni euro speso in regione si debba tagliare un euro a Roma(nel caso specifico)e che per ogni funzionario assunto in regione se ne elimini uno a Roma.Regola generale:cio' che viene aggiunto in regione deve essere sottratto a Roma.