Zaia: «È ora di finirla con le bufale, l'autonomia è la medicina dei mali del Sud, non ne è la causa»

PER APPROFONDIRE: autonomia, luca zaia, veneto
Zaia: «È ora di finirla con le bufale l'autonomia è la medicina dei mali del Sud, non la causa»
VENEZIA - «È ora di finirla con la bufala della secessione dei ricchi e dell'Italia di serie A e serie B. In tutti i modelli autonomisti non esiste che si possa nemmeno immaginare che una parte dei un Paese possa andar male in un contesto nazionale»: lo dice il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commentando l'intervento tenuto oggi al Meeting di Rimini dal Presidente di Svimez, Adriano Giannola. «L'Autonomia è responsabilità. Semmai irresponsabile è chi non la vuole - aggiunge -. La proposta di autonomia, partita da tre Regioni, ma estendibile a tutte le altre che volessero raccogliere la sfida della responsabilità e dell'efficienza, è la medicina per i mali del sud, non ne è la causa».

«Così come stanno le cose - dice Zaia - ogni anno in questo Paese ci sono 30 miliardi di sprechi, (dati ufficiali, non di partito) che non vanno certo a beneficio delle popolazioni del Sud, ma sempre nella direzione dei soliti noti. Tanti cittadini del Sud hanno fatto sapere in tanti modi di volere questa svolta e hanno già mangiato la foglia dei luoghi comuni come l'Italia di serie A e B, il Nord egoista nemico del Sud, lo sgretolamento dell'unità nazionale. La gente ha capito. Il popolo del Sud ha una straordinaria opportunità, quella di poter controllare i suoi amministratori». Per il governatore del Veneto «l'Autonomia aiuterà prima di tutto a riallineare la qualità dei servizi, perché è scandaloso, immorale, che migliaia di meridionali debbano emigrare per curarsi. E non è vero che il Sud abbia avuto meno trasferimenti o meno opportunità. È vero invece che qualcuno ha gestito male le risorse, a cominciare da quelle per la sanità».


«Se tanti soloni avessero letto la nostra proposta di autonomia - aggiunge - saprebbero con certezza che non c'è traccia di egoismo e che, al contrario, sono previste solidarietà e sussidiarietà. Chi non vuole l'autonomia - aggiunge - vuole lasciare l'Italia e le sue Regioni nel medioevo. Autonomia significa invece attivare un nuovo rinascimento, puntare dritto alla modernità. Non siamo irresponsabili, irresponsabili sono coloro che non la vogliono». Zaia critica poi direttamente Giannola. «Assicuro inoltre il Presidente dello Svimez - puntualizza - che sull'Autonomia abbiamo le idee chiarissime. Per capirle basterebbe leggere le montagne di documenti che sono stati prodotti, non da una segretaria di partito, come velatamente si vorrebbe insinuare, ma da un team di esperti giuristi, costituzionalisti, economisti, tributaristi, che hanno tradotto in una proposta organica il messaggio inviato a tutta Italia da milioni di veneti e lombardi che hanno votato il referendum». «Caro Giannola - prosegue - non rivogliamo i nostro soldi, come lei superficialmente afferma, ma vogliamo che tutti abbiano ciò che a loro serve, gestito in maniera corretta, senza sprechi e ruberie». Secondo il governatore, «quando Giannola afferma tra l'altro che 'il Nord da solo può ambire al massimo a fare il terzista di lusso alla Germanià rivolge una pesante offesa a migliaia e migliaia di imprenditori, alle nostre seicentomila partite Iva, che ogni giorno aprono le saracinesche delle loro aziende, e non convegni in giro per l'Italia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Agosto 2019, 14:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Zaia: «È ora di finirla con le bufale, l'autonomia è la medicina dei mali del Sud, non ne è la causa»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2019-08-20 16:29:57
Zaia bastaaa... La lega non darà mai l'autonomia alla padana, lo ha fatto capire chiaramente negli ultimi 30 anni e con i suoi lustri al governo anche con maggioranze bulgare. Non ultimo ricordo ai fan di zaia che questi aveva firmato un accordo con Marconi e Gentiloni per dare vita all'autonomia, ma il komunista salvini gli ha fatto fare retromarcia in quanto non negli interessi della lega uccidere la gallina dalle uova d'oro. Di due cose la lega non può fare a meno dei migranti e della balla balla dell'autonomia.
2019-08-20 12:20:24
Zaia torna in vacanza e restaci.
2019-08-20 10:32:23
Zaia ma le promesse sul bollo auto dove sono finite? nel fascicolo dell'autonomia sicuramente......basta chiacchere la gente vuole i fatti altrimenti andate a casa......
2019-08-20 09:49:51
Bye, bye autonomia. Ma già lo si sapeva da tempo. Io personalmente avevo già scritto sul fatto che, secondo me, Salvini non ha MAI pensato realmente di dare l'autonomia perchè avrebbe scontentato parte del suo elettorato, quello del centro-sud. Di fatto, secondo me, Salvini non è un vero leghista ma è un nazionalista, per non dire peggio, travestito da leghista , cosi' come, secondo me, Renzi non è mai stato un vero democratico ma un forzista travestito .... Quindi i veri leghisti, quelli che credono nelle autonomie e nel governo locale, ora, secondo me, possono vedere la vera natura della lega nazionale che non ha piu' nulla da offrire a loro, diventando un partito centralista di destra, gemello dei Fratelli d'Italia. Vogliamo veramente votare questa cosa qui?
2019-08-20 15:11:46
Salvini viene dai Comunisti padani. Fu membro attivo presso il centro sociale Leoncavallo, Milano. E'solo un arraffone, senza idee e che vorrebbe essere un figo.