Autonomia del Veneto, Luca Zaia avverte: «Non firmo intese annacquate»

Wednesday 13 February 2019
Luca Zaia
35

VENEZIA - «In Costituzione c'è scritto che una Regione può chiedere le 23 materie, e c'è anche l'elenco delle 23 materie. Noi abbiamo fatto un referendum sulle 23 materie e continuiamo a chiedere le 23 materie. Siamo a disposizione per un'intesa: Roma non deve prevaricare il Veneto e il Veneto non deve prevaricare Roma. Soluzioni annacquate non le sottoscriviamo». Il governatore del Veneto, Luca Zaia, avverte i ministeri che fanno resistenza al trasferimento al Veneto delle competenze esplicitamente previste dalla Costituzione. E relativamente ai dubbi sollevati da esponenti politici del Meridione sulle possibili sperequazioni in tema di sanità, il governatore ha spiegato che «azzoppare chi è bravo per fare in modo che ci sia un'equa divisione del malessere non è una vera soluzione. La vera soluzione è aiutare chi ha difficoltà a crescere e ad arrivare a livelli qualitativi dignitosi, pensare di penalizzare chi produce perché qualcun altro non ce la fa direi proprio di no. Nessuno vuole abbandonare nessuno in giro per l'Italia», ha concluso Zaia.

Il governatore resta però ottimista: «Il 15 febbraio era un termine dato dal presidente del Consiglio per il confronto tecnico, posso dire che sul piano tecnico c'è tutto, oggi abbiamo una bozza. Ci sono dei punti sui quali non c'è ancora l'accordo però io sono un inguaribile ottimista e penso che alla fine troveremo un accordo, anche perché non è una richiesta di Luca Zaia, per quanto riguarda il Veneto, ma una richiesta di più di 2 milioni di veneti e ricordo che le due forze di governo, Lega e Cinquestelle, hanno sostenuto il referendum per il 'sì', hanno sottoscritto l'autonomia nel contratto di governo e hanno ribadito in più occasioni che l'autonomia si deve fare».

 

Ultimo aggiornamento: 20:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA