«Aiutami, mia figlia di 2 anni è malata»: smascherato falso indigente serbo

«Aiutami, mia figlia di 2 anni è malata»: smascherato falso mendicante

di Paola Treppo

RONCHI DEI LEGIONARI e MONFALCONE (Gorizia) - «Mia figlia è gravemente malata, aiutami» e mostra un foglio con scritto che la sua bambina, di 2 anni, è ricoverata all'ospedale infantile Burlo Garofalo di Trieste, in attesa di un trapianto di cornea da fare a Barcellona. Non è vero, ma l'uomo che chiede aiuto è convincente e in parecchi ci cascano, a Ronchi dei Legionari, in località Vermigliano. Gli danno chi 10 e chi 20 euro. Qualcuno però non ci casca, sente puzza di bruciato e chiama la polizia; è il marito di una donna che, commossa, ha offerto 10 euro.

Gli agenti del Commissariato di Monfalcone raggiungono la zona dove è stato visto per l'ultima volta l'uomo che chiede la carità. Viene descritto come una persona di corporatura robusta, attorno ai 45 anni, uno straniero con i capelli rasati. La gente viene convinta a fare una offerta anche perché questo finto padre disperato mostra che già altre persone, nel quartiere, lo hanno aiutato dandogli dei soldi: fa vedere un foglio con le firme di chi è stato generoso.

Gli agenti lo pizzicano vicino alla stazione ferroviaria di Ronchi dei Legionari: lo fermano e lo identificano. Si tratta di un cittadino serbo di 45 anni che vive a Trieste. Ammette di aver chiesto soldi bussando alle porte delle case ma di averlo fatto senza truffare nessuno: non dice di aver impietosito le persone raccontando la storia della figlia malata. Perché, tra l'altro, quest'uomo non ha figli.

Gli agenti lo perquisiscono. Trovano tre biglietti con le firme delle persone che, commosse, gli avevano dato dei soldi. Nascosti dentro a una scarpa, i poliziotti del Commissariato di Monfalcone trovano 140 euro in contanti: sono banconote di vario taglio che vengono sequestrate perché ritenute provento della truffa. Una delle donne truffate ha sporto querela. Possono farlo anche le altre persone che hanno dato i loro soldi pensando di aiutare una bambina di due anni gravemente malata. La posizione del serbo adesso sarà valutata dal questore di Gorizia per l'eventuale adozione di misure cautelari. Lo straniero risulta incensurato.  
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 22 Novembre 2017, 12:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Aiutami, mia figlia di 2 anni è malata»: smascherato falso indigente serbo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-11-22 17:52:27
Purtroppo la carità di oggi è truffaldina. Basti vedere cosa succede ogni giorno all'estero dei supermercati, centri commerciali, nelle strade, alle porte di casa...Non alimentiamo questa pessima abitudine di persone che se la ridono alle nostre spalle! I più indifesi e vulnerabili sono sopratutto le persone anziane! Modificare immediatamente le leggi in materia!
2017-11-27 12:07:21
per caso l'"Estero dei supermercati" intende ESTERNO? ma a volte pure all'interno, mentre all'Estero basta andare oltreconfine a NovaGoriza non ci sono accattoni
2017-11-22 15:26:46
Resta il fatto che le pie donne non solo gli hanno dato chi 10 e chi 20 euro, ma hanno pure firmato. E poi c'e' chi si meraviglia delle coppie di anziani truffati dai finti avvocati.
2017-11-27 11:30:21
pero' in questo caso e' tornato utile alla polizia per rintracciare i polli da risarcire.
2017-11-22 13:22:16
Italia italia... ricettacolo di gente di ogni risma che tanto sa di poco rischiare!