Solidarietà del governatore Zaia: «Atto gravissimo», Salvini da Mosca: «Troveremo i responsabili»

Solidarietà del governatore Zaia: «Atto gravissimo», Salvini da Mosca: «Troveremo i responsabili»
VENEZIA - «E’ un episodio gravissimo, che va condannato senza se e senza ma, acuito dal fatto che la minaccia contro un giornalista significa di conseguenza un attacco contro opinioni ed idee. La mia piena e completa solidarietà ad Ario Gervasutti e naturalmente alla sua famiglia». Così il presidente del Veneto Luca Zaia commenta quanto accaduto stanotte a Padova, dove l’abitazione del giornalista del Gazzettino è stata presa di mira da cinque colpi di pistola, tre dei quali hanno raggiunto la camera da letto dei suoi figli. «Mi auguro che i responsabili siamo presto identificati ed assicurati alla Giustizia – conclude Zaia -. Sono intollerabili fatti del genere che purtroppo riportano alla mente anni bui della nostra Repubblica. A Gervasutti e alla sua famiglia la vicinanza mia e delle istituzioni della Regione del Veneto».

La Presidente del Senato, la padovana Maria Elisabetta Alberti Casellati, esprime solidarietà e ferma condanna per il gravissimo atto intimidatorio. Nel manifestare la sua vicinanza e quella del Senato, Casellati auspica che si possa fare «quanto prima piena luce su questo preoccupante episodio».

 A stretto giro anche  l’intervento del ministro dell’Interno Matteo Salvini che conferma la sua solidarietà al giornalista: «Faremo chiarezza - ha detto  - Mi auguro che si prendano quanto prima i responsabili». E su twitter  ha poi scritto: «Un abbraccio al giornalista del Gazzettino Ario Gervasutti, tutta la mia solidarietà e l’impegno ad individuare i vigliacchi responsabili dell’infame gesto». Durante la conferenza stampa a Mosca, Salvini aveva detto: «Se qualche cretino pensa di aggredire la libera stampa in questo modo ha nel ministro dell’Interno il suo nemico numero uno».

Subito è arrivata anche la condanna di Fnsi, Sindacato, Ordine giornalisti del Veneto e CdR del Gazzettino che "si stringono attorno al collega e alla sua famiglia e confidano nel lavoro delle forze dell’ordine per individuare al più presto possibile i responsabili. Nella notte ha subito un attentato vile e inquietante, dalla gravità inaudita, un attacco inaccettabile non solo a un giornalista che ha sempre dimostrato di avere la schiena dritta, ma anche a tutta la categoria che da tempo è nel mirino di chi vuole impedire la libertà di informazione"

«Ario Gervasutti non è uomo che si lasci intimidire e la sua vita professionale, l'impegno di giornalista, lo testimoniano. Ciò non di meno, nessuno può sottovalutare quanto accaduto e la gravità dell'attentato di questa notte». Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio Regionale del Veneto porge la sua «personale solidarietà a lui e ai suoi familiari e sono certo di interpretare il pensiero di tutta l'assemblea legislativa veneta nel condannare senza tentennamenti quanto accaduto - ha detto Ciambetti - auspicando che si faccia chiarezza al più presto individuando i protagonisti di questa vicenda inaccettabile, che sembra rievocare i fantasmi del passato». «Come nel passato, tuttavia, dobbiamo far quadrato contro ogni provocazione e intimidazione, rifiutando strumentalizzazioni meschine che sono da condannare senza tentennamenti: la solidarietà ad Ario Gervasutti, ai suoi familiari, a tutti i giornalisti del Gazzettino come della altre testate venete oggi, davanti ai proiettili sparati contro la casa del giornalista, testimonia l'impegno democratico di chi è impegnato nelle Istituzioni contro ogni forma di violenza e prevaricazione e la decisa presa di posizione di noi tutti in difesa della libertà di espressione. La Costituzione ci spiega che 'la stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censurè implicitamente riconoscendo che i giornalisti non possono essere vittime di intimidazioni, minacce, soprusi: quando ciò accade siamo davanti a una malattia degenerativa che va immediatamente bloccata. Proprio il richiamo alla Carta Costituzionale spiega l'enorme gravità di quanto è accaduto e giustifica, al di là della stima personale, il pieno sostegno e la vicinanza ad Ario Gervasutti e ai suoi familiari», conclude Ciambetti.

Sono poi arrivati i messaggi politici: il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Stefano Fracasso: "Quello che è successo è evidentemente un fatto molto grave. Attendiamo che la giustizia faccia il suo corso. Esprimo pieno solidarietà a Gervasutti e alla sua famiglia. Atti come questo non dovrebbero mai accadere".  “E’ un episodio molto inquietante che offende i valori di chi crede nella libertà di stampa - afferma il senatore e presidente Udc Antonio De Poli - E’ una gravissima intimidazione che colpisce il mondo del giornalismo ma anche tutti noi che amiamo la democrazia e la libertà delle idee. Esprimo solidarietà al giornalista Ario Gervasutti, alla sua famiglia e alla redazione del Gazzettino. Il mio auspicio e che i responsabili di questo ignobile e vergognoso gesto vengano individuati e assicurati alla giustizia. Chiedo al ministro dell’Interno Matteo Salvini quali azioni intenda mettere in atto per valutare quanto è accaduto e disporre eventuali azioni a tutela della protezione del giornalista e dei suoi familiari”
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 16 Luglio 2018, 10:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Solidarietà del governatore Zaia: «Atto gravissimo», Salvini da Mosca: «Troveremo i responsabili»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-07-17 13:18:08
Curioso, solidarieta' al giornalista solo da parte delle varie correnti di destra, come si spiega? I colleghi giornalisti di sinistra immagino siano tutti in vacanza...
2018-07-16 13:40:38
Sarebbe interessante leggere gli articoli piu piccanti di questo ario, per vedere a chi poteva dar fastidio, ma saranno gli inquirenti a farlo, suppongo. Con tutti i delinquenti e malfamati che ci sono in giro, non è difficile trovare qualche sicario...
2018-07-16 11:50:07
Gli anni bui della Repubblica sono già arrivati, sicuramente prima del previsto; abbiamo incominciato a raccogliere i frutti delle campagne quotidiane di odio che mirano non al confronto ma alla distruzione dell'avversario. Ma zaia non legge mai nulla? Non guarda mai la televisione? Non ascolta mai i suoi alleati di governo e il suo capo politico? E siamo solo all'inizio!
2018-07-16 12:17:08
Guarda che si stà raccogliendo quanto in questi anni hanno seminato chi era al Governo fino a pochi mesi fa.